Rentvolution. Risolvere l’emergenza abitativa, convegno sugli affitti a Santa Maria sopra Minerva

- Pubblicità -

Si è tenuta a Roma presso la sala Capitolare del Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva, l’evento promosso dalla Senatrice Elena Mirella e da Solo Affitti Spa dal titolo: ‘Rentvolution. Risolvere l’emergenza abitativa’. Un tema, quello dell’emergenza abitativa in Italia, che continua ad essere al centro delle agende politiche e che ha visto all’evento capitolino la partecipazione di enti pubblici e privati impegnati a cercare spunti fattivi e percorsi attuabili, utili per abbattere tutti gli ostacoli che, ad oggi, si frappongono tra domanda ed offerta. Nel corso dell’appuntamento sono state presentate le quattro aree per una futura proposta di legge utile per poter liberare il potenziale immobiliare della locazione, rimuovendo le limitazioni burocratiche, le barriere economiche e aprendo spazi di confronto.

“L’emergenza abitativa e il caro affitti è un tema al centro del dibattito politico e mediatico da diversi anni, soprattutto dopo il post pandemia. Bisogna aumentare l’offerta delle case da mettere in affitto e per fare questo è necessaria una sinergia tra pubblico e privato esattamente come avviene oggi con rentvolution”. Lo ha detto il presidente di Fiaip, Gianbattista Beccarini, a margine dell’evento ‘Rentvolution. Risolvere l’emergenza abitativa’, tenutosi presso la sala Capitolare del Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva a Roma.

- Pubblicità -

“Credo che l’approccio corretto sia quello sistemico, quindi collaborativo, e fare rete soprattutto fra le componenti che possono dare una mano e che vivono le problematiche economiche degli affitti tutti i giorni. Inoltre, credo che la nostra categoria possa aiutare prevedendo una serie di iniziative come quella di oggi – ha continuato il presidente di Fiaip -. Dobbiamo presentare proposte fattibili e concrete tra le quali c’è sicuramente quella di trasformare il contratto di locazione in titolo esecutivo e quello di attuare una fiscalità di vantaggio per chi decide di affittare nel lungo termine anche valutando una flessibilità della durata delle locazioni”.

“La nostra proposta di legge parte da una riforma organica della normativa sulla locazione che risale nel 1998. Oggi gli scenari sono cambiati e il conduttore sempre più spesso richiede dei contratti ritagliati su periodi più brevi e quindi quello che vogliamo fare è proporre una durata più flessibile con la possibilità di abbinargli quella che è una fiscalità inversamente proporzionale alla durata, ovvero lasciare libero il proprietario di decidere per quale durata affittare ma premiare chi decide mantenerlo sul mercato per medio e lungo periodo”. Lo ha detto la fondatrice di SoloAffitti Spa, Silvia Spronelli, a margine dell’evento ‘Rentvolution. Risolvere l’emergenza abitativa’, tenutosi presso la sala Capitolare del Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva a Roma.

“In Italia siamo in emergenza abitativa e lo abbiamo visto in questi mesi con le manifestazioni degli studenti che sono alla ricerca di alloggi. La richiesta degli affitti è aumentata del 227%, l’offerta invece è limitata. Secondo uno studio di Solo Affitti ci sono circa 4 milioni di immobili in Italia che sono sfitti per diverse problematiche legate direttamente alla ristrutturazione, alla paura del proprietario di non poter ritornare in possesso dell’immobile nel caso in cui sia necessario ed anche di non avere un canone di affitto pagato regolarmente”. Ad affermarlo è la senatrice della Lega e prima firmataria della proposta di legge sull’emergenza abitativa, Elena Murelli, a margine dell’evento ‘Rentvolution. Risolvere l’emergenza abitativa’, tenutosi presso la sala Capitolare del Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva a Roma.

Queste, sottolinea, “sono le problematiche legate direttamente ai proprietari degli immobili. Il governo ha già provato a sistemare questa situazione andando direttamente a prevedere, utilizzando i soldi del Pnrr, studentati universitari per poter andare incontro alla domanda richiesta dagli studenti, ma il problema rimane. Dobbiamo anche considerare quelle che sono le esigenze, da una parte turistica e dall’altra quella dell’invecchiamento della popolazione, allora dobbiamo investire sull’edilizia residenziale come è stato fatto con il decreto anziani. Dobbiamo affrontare queste tematiche legate ai problemi rivedendo quella che è la parte contrattuale, considerando le riduzioni fiscali e rassicurando i proprietari degli immobili sugli investimenti che loro devono fare nel momento in cui si vogliono affittare gli immobili stessi”.

“Ho voluto organizzare questo evento proprio per mettere attorno ad un tavolo quelle che sono le associazioni dei proprietari immobiliari e le associazioni che lavorano sugli affitti. Tutto questo per iniziare un dialogo perché l’obiettivo è quello di presentare una futura proposta di legge. Ci sarà un dialogo anche con il ministero delle infrastrutture e dei trasporti e con quello dell’Università e del turismo per arrivare ad una legge completa”, conclude la senatrice della Lega.

“Affrontare il tema degli affitti delle case è fondamentale ed è da risolvere allargando l’offerta abitativa e rendendo più garantiti gli affitti soprattutto nella fase di rilascio, incentivandoli fiscalmente. L’importante è capire, e questo lo dimostra la presenza di realtà diversi qui, che servono tutti i soggetti e quindi non solo le famiglie che da sempre hanno garantito l’offerta abitativa in Italia, ma anche il pubblico – soprattutto per le categorie più deboli – e i soggetti privati più grandi. Tutti insieme possono allargare l’offerta abitativa”. Lo ha detto il Presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa, a margine dell’evento ‘Rentvolution. Risolvere l’emergenza abitativa’, tenutosi presso la sala Capitolare del Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva a Roma.