Gli occhiali firmati “D-Style” sono un successo mondiale!

0
50

intervista a cura di Ilaria Solazzo

D – Style conferma un grande successo italiano per un brand artigianale, elegante e originale ideato da Domenico Auriemma. Napoletano originario di Afragola, progetta, disegna, decora e realizza occhiali personalizzati per tutti i gusti. Negli anni è diventato lo stilista di occhiali più amato dai vip I personaggi famosi lo amano e fanno la fila per indossare i suoi accessori. Ma il successo di D – Style ha da tempo superato i confini dello Stivale, arrivando a incorniciare il volto di star internazionali dello show business, del cinema, della musica , delle serie TV più famose e popolari al mondo facendo del brand un prodotto italiano amatissimo anche all’estero. D-STYLE è approdato da tanto tempo anche a Dubai e New York presso le prestigiose fashion week , rappresentando con stile, glamour ed orgoglio i colori italiani del vero prodotto “Made in Italy”. Un successo inarrestabile per D-STYLE. Domenico Auriemma non si ferma mai! Nuovi progetti sono al vaglio e tante novità saranno presto annunciate perché “D-STYLE” cresce, cresce di continuo… è sempre al passo coi tempi, con la moda e coi gusti del pubblico e dei vip.
Lo stile di Domenico A ha fatto breccia nel cuore di numerose celebrity, da Madonna a Rihanna, da Katy Perry a Beyoncé… L’elenco è lunghissimo. Oltre alle sue collezioni, il designer campano ha prestato la sua creatività provocatrice e di sapore pop agli outfit di cantanti, attori, sportivi e reali stranieri.
Intervista
Ilaria Solazzo, giornalista pubblicista e blogger, ha intervistato, oggi, per noi, in esclusiva, il Maestro Domenico Auriemma.
Ilaria – L’artigianato è un aspetto del tuo lavoro che è molto importante per te. Puoi parlarcene?
Domenico – Penso che l’artigianato riguardi il patrimonio, la storia, la vita e la cultura. Tutto ciò che viene fatto attraverso la produzione di massa, non sto dicendo che sia sbagliato o cattivo, ma manca di spirito. Il prodotto che crei con tanta cura, riflessione e maestria durerà sempre più a lungo e darà vita a una connessione più emotiva.
Ilaria – Quanto sono strettamente collegati gli occhiali alle emozioni ed alla sfera sentimentale?
Domenico – Penso che gli occhiali abbiano spirito. Potrebbe essere strano dirlo, ma penso che abbiano spirito perché possono essere qualcosa che vive con noi. Ci sono alcuni tipi di occhiali che non puoi davvero togliere, che potrebbero persino proteggerti. Questo è il mio pensiero spirituale. Molti vecchi cinesi pensano che gli occhiali possanodifenderci dai danni o che alcuni possano portare fortuna. Altri sarebbero portatori di ricchezza, amore, salute o felicità.
Ilaria – Domenico il tuo stile è ironico, è un mix di cultura pop e di idee originali e glam. Puoi dirci come è stata la tua esperienza di collaborazione professionale con Debora Scalzo?
Domenico – Debora Scalzo è un’icona pop che unisce i mondi dell’arte e della moda, siamo un’abbinata perfetta!
Ilaria – Cosa ha ispirato le tue creazioni nell’ultima collezione D-Style?
Domenico – Cerco sempre di scavare in profondità, nel cuore del mio dna creativo di stilista, e tento di catturarlo per trasporlo in ogni creazione.
Ilaria – Sei amatissimo da molte pop star. Con quali celebrità ti piacerebbe lavorare per un progetto visionario?
Domenico – Sono davvero fortunato a poter lavorare con le migliori pop star mondiali. È eccitante. Adoro tutte le sfide che mi pongono, dai video e ai red carpet.
Ilaria – Se non fossi diventato uno stilista di occhiali, cosa saresti?
Domenico – Forse un regista, chissà!
Ilaria – Puoi descrivere te stesso come stilista in tre parole?
Domenico – Altruista, professionale, simpatico. Sono un gentleman di vecchia scuola, appassionato, divertente e snob al punto giusto, senza mai essere elitario.
Ilaria – Vuoi aggiungere altro riguardo te stesso?
Domenico – Sono il classico uomo d’esperienza stile americano: ambizioso, idealista e spregiudicato. La mia formula comunicativa – basata sulla capacità di sfruttare al massimo l’accattivante e provocatoria tensione emotiva della sensualità e il potenziale iconico delle grandi celebrità – ha contribuito a riposizionare la moda dal ruolo di sottocultura europea a fenomeno globale della cultura popolare.
Ilaria – Un consiglio agli addetti ai lavori…
Domenico – Il mio obiettivo principale, in realtà, è aiutare la moda italiana a diventare sempre più conosciuta a livello internazionale. Mia cara, i giornalisti europei e gli addetti dell’industria della moda devono viaggiare di più in America per vedere cosa sta succedendo oggi.
Ilaria – Credi nel glamour?
Domenico – Sì. Anche se ci tengo a precisare che glamour è solo il modo in cui mi piace che le cose appaiano.
Ilaria – ti piace tornare sui tuoi passi e riprender il filo di un discorso, tra una collezione e l’altra?
Domenico – Penso che il racconto della moda abbia più senso se seguiamo una linea narrativa cronologica, perché il lavoro creativo espresso in una collezione finisce con influenzare ciò che farai o decidi di non fare nella successiva stagione. Credo sia una specie di flusso continuo di attività che crescono l’una con l’altra, una sorta di reazione a catena: la moda è un pendolo, oscilla avanti e indietro.
Ilaria – Sei un designer fresco e colorato in ascesa. Noto per la tua ponderata fusione di stili orientali e occidentali e per il tuo approccio all’eleganza che incontra la strada.
Domenico – Amo arrivare a tutti, dalla leggenda americana dello star system allo studente italiano di 15 anni. Fondo la classica bellezza dei materiali con la prospettiva unica di università.
Ilaria – Quando crei una collezione, quali sono alcuni degli elementi più importanti che tieni a mente?
Domenico – Quando creo una collezione, il primo elemento che tengo a mente è il colore. Voglio assicurarmi che la collezione ne sia piena, perché il mio background familiare è nella pittura. Mi sento una specie di ingegnere del colore.