Tribunale di Napoli sospende le modifiche allo statuto del M5s e la nomina di Conte presidente

0
20

Accolto il ricorso di alcuni attivisti campani. “Illegittima” l’esclusione di 81.839 iscritti da meno di sei mesi dalla consultazione

La settima sezione civile del tribunale di Napoli ha sospeso le modifiche allo statuto del Movimento 5 Stelle, approvate il 3 agosto 2021, e la nomina di Giuseppe Conte come presidente M5s, ratificata con delibera del 5 e 6 agosto. È quanto stabilito dal tribunale partenopeo che ha così deciso in merito al ricorso presentato dagli attivisti campani Steven Brian Hutchinson, Liliana Coppola e Renato Delle Donne, tra i dissidenti e fondatori del gruppo ‘No Alleanze’, difesi dall’avvocato Lorenzo Borrè, contro il Movimento 5 Stelle, rappresentato dal legale Francesco Astone.

TRIBUNALE NAPOLI: “81MILA ISCRITTI ESCLUSI DA VOTO SU STATUTO

Risulta “illegittima” l’esclusione degli iscritti da meno di sei mesi dalla consultazione per le modiche dello statuto del Movimento 5 Stelle. È quanto si legge nell’ordinanza della settima sezione civile del tribunale di Napoli che ha sospeso le delibere di modifica dello statuto e di nomina di Giuseppe Conte come presidente del Movimento 5 Stelle, adottate nell’agosto dello scorso anno. La delibera di modifica dello statuto “risulta adottata – si legge nel provvedimento – sulla base di un’assemblea formata da soli 113.894 iscritti (solo quelli da più di sei mesi) in luogo dei 195.387 associati iscritti a quella data”.

Sarebbero stati illegittimamente esclusi “81.839 iscritti all’ente dal quorum costitutivo e deliberativo, maggiore dei soli 60.940 associati che hanno partecipato all’assemblea, la cui delibera è stata poi approvata dall’87% di questi”. L’assemblea che ha deliberato il via libera alle modifiche statutarie “non era correttamente costituita” perché risulta che vi abbia partecipato “un numero di iscritti inferiore a quello richiesto in prima convocazione”. I 60.940 iscritti che vi hanno partecipato erano infatti di numero inferiore alla metà più uno del totale degli iscritti all’associazione (che come visto era 195.387).

fonte agenzia dire.it