Georgina Marcus: viaggio nell’arte dell’iper-realismo del trucco semipermanente

- Pubblicità -

Abbiamo intervistato Georgina Marcus, titolare del “Georgina Marcus permament make-up Studio“, un centro all’avanguardia e vera e propria eccellenza nel settore che si trova a Roma in zona Parioli (Viale Parioli, 94/B).

Georgina, il trucco semipermanente è la tua passione. Puoi condividere il momento esatto in cui hai deciso di dedicarti a questa arte?
“La mia storia professionale come dermopigmentista è cominciata quasi per caso. Una mattina di qualche anno fa mia figlia Sofia, allora ancora solo una bambina, osservandomi mentre mi truccavo le sopracciglia, mi disse non per la prima volta: mamma sei bravissima a truccare le tue sopracciglia! Da quel momento si è acceso qualcosa in me che mi ha fatto tornare indietro nel tempo, a quando avevo 19 anni e provavo il forte desiderio di intraprendere questo percorso. Ho quindi cominciato a frequentare corsi individuali e corsi formativi sino a specializzarmi con professionisti di livello internazionale. Sono arrivate le prime soddisfazioni ed insieme a queste i primi successi professionali. Poi ho iniziato a vincere dei premi e ad essere stata delegata come ambasciatrice a rappresentare l’Italia ad un congresso tenuto a Madrid nello scorso mese di ottobre”.

- Pubblicità -

Potresti descrivere in dettaglio la tua tecnica iperrealistica e spiegarci quali sono i vantaggi di questa tecnica per ottenere un aspetto naturale?
“Spiegare così nel dettaglio la mia tecnica iperrealistica non è sicuramente facile. Posso dire che di certo sono necessarie e indispensabili tre cose: tantissimo studio, impegno e dedizione. Questa tecnica trasmette eleganza e delicatezza grazie ad un design essenziale personalizzato per ogni persona. La mia tecnica è naturalissima e cerco sempre di non eseguire delle sopracciglia a stampo. Cerco di armonizzare, migliorare, mai stravolgere. Sia la tecnica del pelo a pelo oppure la sfumatura sono entrambe naturali Naturali perché negli ultimi anni nel campo del trucco permanente ci siamo evoluti sia con la tecnica, sia con la manualità e i pigmenti che sono studiati per il viso”.

Hai fondato il tuo studio nel 2022 a Roma. Puoi condividere alcune delle sfide e dei successi che hai sperimentato finora nel gestirlo?
“Ho fondato il mio primo e attuale studio a febbraio nel 2022 A Roma in viale Parioli, qui ho affinato la mia tecnica iperrealistica ideale per ottenere un risultato perfetto, naturale e armonioso. Il trucco permanente è un’arte in continua direi perenne evoluzione”.

Puoi spiegarci in che modo il trucco permanente ti permette di esprimere te stessa e di regalare emozioni positive alle tue clienti?
“Qual è il tuo obiettivo principale quando realizzi un trattamento? La mia più grande soddisfazione è far ritornare il sorriso sul viso delle persone, perché oltre ad avere delle clienti donne, ho anche gli uomini che si rivolgono a me per migliorare l’aspetto estetico: magari vogliono migliorare un’alopecia o risolvere il problema delle sopracciglia diradate. Mettere al centro della propria attività che si rivolge a te con fiducia, posso dirlo senza tema di smentita, è una soddisfazione immensa”.

Sei una maestra di altri talenti nel campo della dermopigmentazione. Quali sono i punti focali del tuo programma di insegnamento, e cosa ti spinge a condividere le tue conoscenze con altri in tutto il mondo?
”Credo che sia inutile non mettere al servizio degli altri le proprie capacità e rendere un servizio alla collettività”.