Premio letterario nazionale “La cucina della Nonna”, tanto successo all’Olimpico e partecipazione da tutta Italia

- Pubblicità -

 

Si è tenuta sabato 25 novembre la premiazione del concorso nazionale “La cucina della nonna”, presso la tribuna autorità dello Stadio Olimpico a Roma, organizzato dall’associazione “Terra Tricolore”, presidente dott. Silvio Rossi, all’interno di “Excellence-Food Innovation”, manifestazione che rappresenta le eccellenze dell’enogastronomia italiana.

- Pubblicità -

Alla presenza del sindaco di Anguillara, avv. Angelo Pizzigallo, che ha patrocinato l’iniziativa sono stati premiati i vincitori delle varie sezioni. Il Premio letterario è nato con lo scopo di diffondere e promuovere le tradizioni italiane, la buona cucina e le eccellenze enogastronomiche.

“La cucina della nonna” vuole rappresentare quegli odori, quei sapori, quelle atmosfere che sembrano ormai perse, ma che possono essere recuperate grazie all’attenzione maggiore che da qualche anno si presta alla qualità in cucina e non solo.

La Giuria che ha valutato le opere era formata da esperti della cucina italiana, accademici e esperti del settore enogastronomico internazionale e del mass media: dott. Riccardo Pelliccioni, funzionario presso la Santa Sede, dottoressa Mariangela Petruzzelli, giornalista e ideatrice del marchio “Miss Chef”, dott. Antonio Russo, presidente “Salento Nostro”, Ermanno Spera, poeta e scrittore, Carlo Dutto, giornalista con lunga esperienza nel settore food. Presidente di Giuria l’Aristocratico del Gusto, il dott. Giuseppe Garozzo Zannini Quirini, appassionato di vino e di cibo, sommelier, ambasciatore delle eccellenze italiane nel mondo.

“Il premio La Cucina della Nonna – ha aggiunto l’ideatrice del concorso Simonetta D’Onofrio, giornalista – grazie all’elevato livello della giuria è divenuto negli anni un punto di riferimento nazionale, vista l’adesione ricevuta in questi anni. Ci tengo a ringraziare il CEO di Excellence Food Innovation, dott. Pietro Ciccotti, per aver appoggiato l’iniziativa, dimostrando di promuovere la cultura enogastronomica”.

“Ogni anno il Premio ha la capacità di evolversi e di stare al passo – commenta il dott. Silvio Rossi, presidente Terra Tricolore – promuovendo il Made in Italy e le eccellenze italiane”

Per le poesie, ha vinto il romano Massimiliano Giannocco, con “La gricia”, seconda Liliana Serrani, con “Er pranzo vegano”, terzo Marco Biffani con “La Carbonara”. Per le poesie a tema libero ha trionfato Eleonora Mazzaferro, di Bolzano, con la poesia “Un giorno smetterò”, davanti a Lucio Fiorini, con “Ciao, tu!”.

Per i racconti ha vinto Giorgia Baldo, da Anguillara Veneta (PD), con “Tradizioni errate”, davanti alla napoletana Silvana Picardi con “Chiamatelo col suo vero nome”, terzo Carlo De Vittoris, dalla provincia di Pisa con “La mia quercia”. Per i racconti a tema libero, ha vinto Marco Biffani con “Caretta, Caretta” davanti a Massimo Bencivenga con “Ravioli Hallyu”.