Emma Diani a Roma: “Il mio metodo e la mia visione olistica si connettono perfettamente con il progetto Six Senses”

- Pubblicità -

Emma Diani, fisioterapista altamente qualificata con oltre 25 anni di esperienza, metterà a disposizione la sua conoscenza e la sua professionalità dal 9 al 15 ottobre al Six Senses di Roma. Roberta Nardi direttore di Gazzetta di Roma ha avuto modo di intervistarla e di farsi rilasciare un’esclusiva per i lettori del giornale.

Equilibrio e benessere generale. Un qualcosa che oggi giorno è visto come una chimera nel trambusto della routine quotidiana. Quanto e in che modo può aiutare la fisioterapia e la massoterapia?
“Premesso che sono stata studentessa di Laura Bertelè che è rimasta la più aderente alla tecnica di Françoise Mézières, fisioterapista che pensava che il corpo fosse composto da 5 unità muscolari dette catene, ritengo che la fisioterapia e la massoterapia riescano non solo ad allentare le tensioni muscolari ma anche a donare benessere psicofisico che rimanda al concetto degli antichi romani.
In particolare penso che il mio metodo e la mia visione olistica si connettono e si sposano perfettamente con il progetto del Six Senses, dunque con la visione di vedere il paziente un tutt’uno fra corpo ed emozioni. Son sempre stata affascinata da un mondo del genere, da piccola sono stata abituata ad andare alle Terme, conosco il Six Senses da oltre 30 anni”.
Lei è specializzata nei problemi della colonna vertebrale. L’era moderna che vede sempre tutti quanti noi alle prese con uso smodato di smartphone e computer ha peggiorato la situazione in tal senso?
“Peggiorata sotto ogni aspetto. Lo vedo quotidianamente alla clinica a Londra dove lavoro che è posizionata fra gli uffici di Facebook e Google. La mia maggior parte dei pazienti lavorano in quelle aziende e a 30 anni sono già rovinati. Tanti poi lavorano da casa, praticamente sul divano o al tavolo della cucina, le loro condizioni morfologiche sono messe male. Per quanto riguarda i rimedi, ogni paziente è un caso a se ma tutti possono essere curati, è ovvio che ci sono casi importanti e casi meno gravi. Personalmente ritengo importante anche la prevenzione e il recupero muscolare e posso intervenire in tal senso. C’è da fare chiarezza: non c’è nessuno che è esente da qualche problema di assimetria del corpo o posturale”.
Sarà al Six Senses dal 9 al 15 ottobre. Cosa ne pensa di questa struttura?
“Sognavo di lavorare al Six Senses da tempo, penso che questa sarà la prima collabarazione di tante. Il Six Senses è sempre in forte espansione e spero arriverà anche a Milano e Londra anche perchè in quest’ultima città sono l’unica a portare il metodo senza l’ausilio di macchinari, a differenza di altri – comunque pochi – colleghi”.

Per prenotare un appuntamento è possibile contattare la Spa di Six Senses Rome a spa-rome@sixsenses.com oppure al numero 06.86814500

- Pubblicità -