Draghi al Meeting di Rimini “L’Italia ce la farà, con qualsiasi governo”

0
14
G7 Treffen auf Schloss Elmau Aktuell, Schloss Elmau, Mario Draghi Ministerpraesident Italien im Portrait bei der Ersten Arbeitssitzung der G7-Staats- und Regierungschefs im Rahmen eines Arbeitsmittagessens beim G7 Treffen auf Schloss Elmau im Rahmen der deutschen Praesidentschaft Schloss Elmau Bayern Deutschland *** G7 Meeting at Elmau Castle Current, Elmau Castle, Mario Draghi Prime Minister Italy in portrait at the First Working Session of the G7 Heads of State and Government at a Working Lunch at the G7 Meeting at Elmau Castle in the German Presidency Elmau Castle Bavaria Germany (- - 2022-06-26, / ipa-agency.net) p.s. la foto e' utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e' stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate

RIMINI (ITALPRESS) – “Sono convinto che il prossimo governo, qualunque sia il suo colore politico, riuscirà a superare quelle difficoltà che oggi appaiono insormontabili – come le abbiamo superate noi l’anno scorso. L’Italia ce la farà, anche questa volta”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi, nel suo intervento al Meeting di Rimini.
Per Draghi “soprattutto nei momenti di crisi, l’azione di governo dev’essere rapida, convinta”. Il premier ha ricordato le difficoltà che ha dovuto affrontare il Paese con la pandemia di Covid-19. A 18 mesi di distanza possiamo dire che “gli italiani hanno reagito con coraggio e concretezza e hanno riscritto una storia che sembrava già decisa. Abbiamo mostrato ancora una volta che l’Italia è un grande Paese che ha tutto quello che serve per superare le difficoltà che la storia ci mette davanti”, ha sottolineato il presidente del Consiglio, che ha anche parlato dell’agenda Draghi: “Molte volte mi è stato chiesto di descrivere la mia “agenda” che – nelle intenzioni di chi vuole che si descriva – dovrebbe essere un insieme di proposte da lasciare al prossimo governo. Ma io credo che saranno gli italiani, con il loro voto, a scegliere i loro rappresentanti per la prossima legislatura e quindi il programma del futuro esecutivo”.
“Anche la crisi energetica dovuta all’invasione russa dell’Ucraina ha richiesto rapidità d’azione – ha ricordato Draghi -. In pochi mesi, abbiamo ridotto in modo significativo le importazioni di gas dalla Russia, un cambio radicale nella politica energetica italiana”.
“Si parla molto di sovranità, ma dipendere, come è accaduto in passato, per quasi metà delle proprie forniture di gas da un Paese che non ha mai smesso di inseguire il suo passato imperiale è l’esatto contrario della sovranità. Non deve accadere mai più”, ha aggiunto.
Il premier si è rivolto così ai giovani presenti al Meeting, che lo hanno accolto con numerosi applausi: “Voi vivete la politica come ideali da condividere, impegno sociale per la loro affermazione, e soprattutto la testimonianza di una vita coerente con questi ideali. Voi insieme riflettete, combattete, sperate, costruite. Ecco perché questo vostro entusiasmo oggi e questa accoglienza mi colpiscono molto: voi siete la speranza della politica”.

– foto Agenziafotogramma.it –

(ITALPRESS).