“Ciak Si Gira!” – Grande successo a Roma per la presentazione del progetto al Ministero dei Beni Culturali

- Pubblicità -

Lo scorso 5 dicembre, la Sala Spadolini del Ministero dei Beni Culturali a Roma è stata ilpalcoscenico di un interessante evento inerente il cine-turismo e la valorizzazione del territorio attraverso il cinema, “Ciak si gira!“. L’obiettivo è quello di trasformare la zona del Cilento e degli Alburni in una perla cinematografica, portando alla luce un angolo affascinante e poco esplorato in tal senso.

Il progetto, nato già qualche anno fa attraverso una serie di incontri istituzionali in Italia e all’estero, è stato molto più di un semplice evento. Si è rivelato un inno appassionato alla scoperta delle potenzialità del cineturismo, evidenziando un territorio ricco di tesori inesplorati. Nonostante la zona abbia una bellezza naturale e architettonica straordinaria, il Cilento e gli Alburni avevano ricevuto scarsa attenzione dall’industria cinematografica.

- Pubblicità -

In Italia, dove un turista su quattro finisce su un set cinematografico, il potenziale di questa regione sembra ancora in gran parte inesplorato. Il progetto, ideato da dLive Media e Fondazione Monte Pruno, è stato una dichiarazione d’amore a una zona che si vuol far brillare anche sul grande schermo.

Il docufilm, che sarà girato tra marzo e aprile del 2024, sarà un viaggio cinematografico attraverso paesaggi mozzafiato e architetture suggestive, trasportando gli spettatori in un mondo di emozioni autentiche. La presentazione del progetto a Roma è stata un momento interessante e denso di significato, con il direttore di dLive Media, Roberto Vargiu, affiancato dal Presidente della Fondazione Monte Pruno, Michele Albanese, e dal Direttore della Fondazione Monte Pruno, Antonio Mastrandrea, ad aprire l’evento.

Rappresentanti istituzionali, personalità del mondo cinematografico e accademico hanno contribuito a creare un dialogo costruttivo, mettendo in luce il potenziale inespresso di queste zone. Numerosi vip, attori e registi di spicco in sala come Simone Montedoro (che sarà protagonista del docufilm con Bianca Nappi), Maria Monsè, Roberta Sanzò, Carlotta Galmarini, Filippo Librano e Lorenzo Tiberia hanno partecipato, insieme a parlamentari come il senatore Antonio Iannone e gli onorevoli Gianluca Caramanna e Gianfranco Di Sarno, e il Presidente del Parco del Cilento Giuseppe Coccorullo. L’evento è stato aperto dai saluti del Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano.Questo Docufilm, che vedrà la Direzione di Elio di Pace e Guglielmo Lipari, con le musiche di Valentina Iannone, sarà più di un progetto cinematografico; sarà un viaggio di scoperta attraverso un territorio ricco di storia, cultura e bellezza paesaggistica. In un’epoca in cui Turismo e Cinema convergono con successo, questo progetto si è eretto come ambasciatore di un territorio straordinario, svelando al mondo le sue meraviglie nascoste.