Centri sportivi e palestre verso la conferma della chiusura, i gestori scrivono a Draghi e, tra questi, dai Castelli Romani, Massimo Cimini (Ex Alunno del Massimilano Massimo)

0
283
Funshopping.it crea la tua vetrina gratis per vendere on line - acquista migliaia di prodotti con sconti fino al 70%

A margine delle tante e referenziate lettere e richieste, inviate da Enti di Promozione Sportiva e Federazioni oltre che da Associazioni Nazionali di categoria (quali per esempio l’“Anif Eurowellness”), proprio perché i quasi quarant’anni che si collocano tra la maturità classica del nuovo Presidente del Consiglio Mario Draghi e la mia (ovviamente anonima e modesta ma analogamente conseguita proprio al Massimilliano Massimo dell’Eur dopo 13 anni a partire dalle elementari fino alla maturità classica) non dissipano i valori insegnati e promossi dai Padri Gesuiti, in qualità di gestore ed imprenditore sportivo, da sempre attivo a Roma ed attualmente anche ai Castelli Romani, ho chiesto in una dichiarazione indirizzata al Premier Draghi – pubblicata e ripresa da diversi organi di stampa – di fare il possibile e quanto prima al fine di salvare il settore sportivo falcidiato dalla pandemia ed ormai sull’orlo del baratro.

Parafrasando alcuni punti di una Sua intervista rilasciata qualche settimana fa, ben ricordandomi gli insegnamenti ed i principi dei Padri Gesuiti contenuti nel “messaggio morale che pervadeva un po’ tutta la giornata che si passava a scuola; un messaggio che esprimeva che le cose andavano fatte al meglio delle proprie possibilità, che l’onestà era importante, ma poi soprattutto che tutti noi eravamo speciali, in qualche modo e non tanto perché‚ andassimo al Massimo Massimo ma perché‚ speciali come persone umane” (cit.), Le ricordo umilmente Presidente Draghi, che da ragazzo e’ stato tra l’altro un giocatore ed appassionato di basket, che gli sportivi sanno prendere spunto dalle difficoltà per migliorarsi, sanno cadere e rialzarsi, e meglio di tanti hanno presente il significato e l’importanza del lavoro di squadra; per questo Le chiedo di valutare con il Ministero della Salute, il CONI, il CTS, gli Enti di Promozione Sportiva, le Federazioni e tutti gli organi preposti, la possibilità di aprire le porte dei più’ di 100 mila centri sportivi e palestre sparsi sul territorio nazionale per accogliere e così potenziare, in vista della riapertura definitiva delle attività sportive, la campagna vaccinale e supportare il Paese in un momento così delicato in quanto ambienti e luoghi fisiologicamente progettati, realizzati ed autorizzati, per l’accoglienza in totale sicurezza di un grande numero di utenti al pari, se non addirittura meglio, di strutture già destinate o propostesi per tale iniziativa.

In foto: Riccardo Viola Presidente del Comitato Regionale CONI Lazio e Massimo Cimini (Ex Consigliere al Municipio XII Eur Roma Capitale, nonchè uno dei Dirigenti ed il Responsabile delle Attività Istituzionali e dei Rapporti Commerciali BlueGreen Sporting Club di Rocca Priora)
compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui