Allargamento via Tiburtina, il Sindaco Gualtieri inaugura il tratto riqualificato

- Pubblicità -

Terminati i lavori di adeguamento dei sette chilometri di via Tiburtina, dall’incrocio con via di Ponte Mammolo fino alla nuova rotatoria di via Marco Simone. L’intervento, dopo diciannove anni, è stato finalmente concluso.

 

- Pubblicità -

Nel giro di poco meno di due anni, la Giunta Gualtieri, con il contributo della Soprintendenza Speciale di Roma, è riuscita a concludere un’opera che rischiava di diventare un’incompiuta, risolvendo anche i problemi di traffico che gravavano a causa del cantiere. La conclusione dell’opera riveste un ruolo importante anche per l’inizio della Ryder Cup di golf, il terzo evento sportivo più seguito al mondo in televisione dopo le Olimpiadi e i mondiali di calcio, in programma a partire dal prossimo 25 settembre sul campo Marco Simone nel comune di Guidonia.

 

A inaugurare via Tiburtina, il Sindaco di Roma Capitale Roberto Gualtieri con l’Assessore ai Lavori pubblici Ornella Segnalini, il Soprintendente Speciale di Roma Daniela Porro, il Presidente del Municipio IV Massimiliano Umberti e il Direttore Generale del progetto Ryder Cup 2023 Giampaolo Montali.

 

I lavori hanno riguardato l’allargamento della consolare romana da una a tre corsie per senso di marcia (di cui una riservata al trasporto pubblico) fino al Gra, e l’allargamento a due corsie nell’ultima tratta, inferiore a due chilometri, fino all’incrocio con via Marco Simone. Il costo complessivo è stato di 84 milioni di euro.

 

Fin dalla fase di aggiudicazione l’intervento ha subito forti rallentamenti. Viene, infatti, approvato nel 2004 (Giunta Veltroni), per poi essere appaltato nel 2009 (Giunta Alemanno) con sostanziali modifiche che hanno ritardato l’avvio dei lavori. Da novembre 2021 il Dipartimento Csimu di Roma Capitale ha dato un forte impulso alle lavorazioni, realizzando il nuovo ponte sul Fosso di Pratolungo ed eseguendo ex novo la tratta T4 (da via Settecamini/Casal Bianco a via Marco Simone), inclusa la grande rotatoria Marco Simone. Durante gli ultimi 22 mesi sono stati rinvenuti diversi reperti archeologici che hanno reso necessario trovare delle soluzioni esecutive in collaborazione con la Soprintendenza Speciale di Roma. Si è lavorato in soggezione di traffico con conseguenti rallentamenti nei tempi di realizzazione. Superate tutte le criticità riscontrate è stato possibile concludere i lavori, aprendo alla circolazione nei tempi annunciati.

 

Questa non è solo l’inaugurazione di un cantiere e di una infrastruttura strategica per un grande evento ma la dimostrazione concreta che se si lavora con passione, competenza e collaborazione, non ci sono problemi insuperabili e le cose si possono fare. Un grazie enorme alla dottoressa Porro. Non c’è contraddizione tra opere pubbliche e archeologia ma anzi le opere sono uno strumento di studio e conoscenza. Sono orgoglioso di un team di questo livello, abbiamo fatto tantissimo e faremo ancora molto” , ha commentato il sindaco Gualtieri.

 

“È stato un grande lavoro di squadra – ha detto Segnalini – l’obiettivo era molto sfidante, ma ho gettato il cuore oltre l’ostacolo. Erano sette le aree sottoposte a vincolo della Soprintendenza e ogni volta che abbiamo scavato, abbiamo fatto dei ritrovamenti. La Soprintendenza è stata velocissima a darci pareri. Un lavoro in sinergia che abbiamo terminato nei tempi promessi. Un grande ringraziamento al Csimu che ha lavorato con serietà e abnegazione”.