PEDIATRIA, GRIMALDI (OMCEO ROMA): INFORMATIZZAZIONE E TELEMEDICINA ALLEATI PREZIOSI

- Pubblicità -

Roma – 12 gennaio 2024 – ‘Casi clinici (e non solo) in pediatria: dall’ospedale al territorio andata e ritorno’, è il titolo del corso di aggiornamento (gratuito), organizzato dall’Ordine provinciale dei medici-chirurghi e degli odontoiatri di Roma, in programma sabato 20 gennaio, dalle 8.30 alle 15, presso l’Aula Roberto Lala, nella sede dell’Omceo Roma, in via A. Bosio 19/A.
Il corso, che dà diritto a 5 crediti formativi Ecm, è diviso in due parti e prevede un test di valutazione finale.

“Nella prima parte parleremo di intelligenza artificiale e telemedicina le nuove frontiere della pediatria”, spiega Valentina Grimaldi, pediatra di famiglia-psicoterapeuta, consigliera OMCeO Roma e responsabile scientifico del convegno insieme a Piero Valentini Direttore UOSD di Malattie Infettive Pediatriche presso Policlinico Gemelli di Roma.

- Pubblicità -

“Tutti noi- continua Grimaldi- ammiriamo le potenzialità delle nuove tecnologie ma poi ne temiamo l’impiego non comprendendo fino in fondo le opportunità che potrebbero offrirci sia in ospedale che sul territorio. Il confronto con gli esperti e con la platea, che avverrà nel corso del convegno, sarà fondamentale. Avremo esponenti delle istituzioni, del mondo accademico, dell’ospedale e dell’assistenza primaria, per offrire una visione il più possibile ampia e integrata. Del resto- sottolinea la pediatra- in un’iniziativa come questa che si propone di promuovere sempre meglio e sempre di più l’integrazione fra ospedale e territorio dove il lavoro in equipe ma, soprattutto, la multi-professionalità e la multi-disciplinarietà dovranno diventare i protagonisti del futuro assistenziale pediatrico, l’informatizzazione e la telemedicina non possono che essere nostri preziosi alleati, non certo nemici da combattere”.

Nella seconda parte del corso di aggiornamento “parleremo di diversi argomenti pediatrici emergenti- spiega ancora Grimaldi- come i disordini dello sviluppo sessuale o le problematiche poco note relative alla salute dei bambini migranti, dalle mutilazioni genitali alla circoncisione rituale. Lo faremo attraverso una lettura sempre duplice dal punto di vista dell’ospedale e del territorio, coinvolgendo alcune professioni sanitarie alleate e articolando gli interventi con casi clinici e relazioni a tema. Il tutto sempre nell’ottica evolutiva di un cambio di paradigma nel processo di cura e assistenza pediatrica che coinvolgerà tutti noi”.

Tra gli argomenti che verranno affrontati nel corso della giornata anche il supporto logopedico in Neonatologia e un excursus sui casi clinici in Reumatologia/Gastroenterologia e in Emergenza/Urgenza.

Le iscrizioni sono aperte fino al completamento degli 80 posti disponibili.