Il Lazio è al 3° posto nella classifica regionale delle piccole e medie imprese che vendono su Amazon con più di 2.000 PMI e oltre 70 milioni di € di vendite all’estero

0
22

Roma conquista la seconda posizione, preceduta da Napoli e seguita da Milano, nella classifica delle 8 città più virtuose d’Italia con oltre 1.500 PMI che vendono su Amazon e più di 50 milioni di € di vendite all’estero.

Tra le regioni con il più alto numero di vendite all’estero su Amazon.it nel 2021 ci sono la Lombardia, la Campania, il Lazio, il Veneto, il Piemonte, la Puglia, la Toscana, l’Emilia-Romagna e la Sicilia.

A livello nazionale, le piccole e medie imprese italiane che vendono su Amazon.it hanno creato circa 60.000 posti di lavoro in Italia e registrato nel 2021 vendite all’estero per circa 800 milioni di euro.

Amazon ha annunciato oggi i risultati del Report 2022 sulle Piccole e Medie Imprese (PMI) italiane che vendono su Amazon. In particolare, il Lazio si attesta al terzo posto con più di 2.000 piccole e medie imprese e oltre 70 milioni di € di vendite registrate all’estero da queste realtà. Tra le 8 città italiane più virtuose, Roma è al secondo posto con oltre 1.500 PMI che vendono su Amazon e più di 50 milioni di € di vendite all’estero.

“La peculiarità dei prodotti di Natural Sprint risiede nella loro componente 100% biologica e prodotta sul territorio e i nostri integratori figurano tra i più consigliati nella vetrina Made in Italy di Amazon”, afferma Gabriele Umbri, Co-Founder di Novazon ed E-Commerce Manager di Natural Sprint“Amazon ha dato una svolta alla nostra attività permettendo a me e al mio socio, Riccardo Romanin, di esportare in modo immediato  i nostri prodotti anche in Francia, nostro secondo mercato per importanza dopo quello italiano. Grazie ad Amazon, inoltre, ho acquisito in modo facile ed economico gli strumenti e le competenze necessarie a rafforzare il business e, nei prossimi mesi, abbiamo già in programma di espanderci anche in Spagna, Germania e negli altri principali mercati europei”.

A livello nazionale, sono più di 20.000 le realtà che hanno scelto di utilizzare il negozio online di Amazon nel 2021 e, ad oggi, hanno creato in totale circa 60.000 posti di lavoro in Italia. Inoltre, nel 2021, più della metà delle PMI che vendono su Amazon ha esportato i propri prodotti registrando vendite all’estero per circa 800 milioni di euro, circa il 25% in più rispetto all’anno precedente: di questi, più di 60 milioni di euro sono stati registrati al di fuori dell’Unione Europea.

Secondo il Report, nel 2021 più di 200 PMI italiane che vendono su Amazon hanno superato 1 milione di euro di vendite per la prima volta e circa 5.000 partner di vendita hanno superato 100 mila euro di vendite.  Complessivamente, le oltre 20.000 realtà imprenditoriali hanno venduto oltre 200 prodotti al minuto su Amazon. Le 5 categorie di prodotto di maggior successo all’estero sono state Casa e Cucina; Bellezza; Sport e Tempo Libero; Industria e Scienza; Salute e Cura della persona.

Sono numeri che confermano il contributo di Amazon nel sostenere l’economia italiana attraverso la creazione di nuovi posti di lavoro e favorendo la digitalizzazione e l’internazionalizzazione del tessuto imprenditoriale, in linea con il più ampio obiettivo dell’azienda annunciato lo scorso maggio di aiutare i partner di vendita a raggiungere €1,2 miliardi di euro di export all’anno entro il 2025.

“I numeri di questa nuova edizione del Report annuale sulle piccole e medie imprese che vendono su Amazon rappresentano la cifra del nostro impegno quotidiano. Siamo molto orgogliosi del fatto che le oltre 20.000 PMI italiane che vendono su Amazon.it abbiano creato fino ad oggi circa 60.000 posti di lavoro, perché questo evidenzia l’impatto positivo che riescono ad avere sull’intera economia italiana, anche grazie al successo ottenuto su Amazon”. Ha commentato Mariangela Marseglia, VP e Country Manager di Amazon.it e Amazon.es“Crediamo nell’enorme potenziale del nostro tessuto imprenditoriale e siamo consapevoli che Amazon può contribuire attivamente alla transizione digitale delle PMI offrendo loro la possibilità di aprirsi a nuovi canali e di raggiungere così nuovi clienti in diversi Paesi, coerentemente con l’obiettivo del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza di supportare le imprese nei processi di internazionalizzazione”.

“Siamo un alleato per le PMI italiane ed europee e ogni giorno ci impegniamo per offrire nuovi strumenti e programmi per aiutarle a esprimere tutto il loro potenziale attraverso i canali digitali ed essere competitive sia in Italia che all’estero. Il loro successo è il nostro successo e questi obiettivi raggiunti confermano ancora una volta che siamo sulla buona strada e che continueremo ad innovare per conto dei nostri clienti e di tutte le realtà che hanno scelto di collaborare con Amazon per espandere il proprio business”, afferma Xavier Flamand, VP, EU Seller Services di Amazon.

“La storia della nostra azienda nasce 50 anni fa, quando mio padre e mia madre hanno iniziato a lavorare insieme in un piccolo negozio di vernici, per poi sviluppare un polo produttivo che ci ha consentito di ampliare la nostra offerta, fino ad approdare su Amazon nel 2018. Abbiamo aderito al programma di formazione di ‘Accelera con Amazon’ per sfruttare tutte le risorse messe a disposizione per la nostra crescita digitalizzazione.” Commenta Francesca Mazza, Responsabile Export Department di Colorificio Mazza, storica azienda a conduzione familiare situata a Roma. “Per vendere efficacemente online bisogna studiare, capire e analizzare: è tutto spiegato in modo semplice e chiaro ma ci vogliono impegno ed entusiasmo per sfruttare tutte le potenzialità offerte da Amazon. Grazie ad Accelera con Amazon, abbiamo acquisito maggiori competenze nell’ambito del digital marketing e questo ci ha consentito di migliorare l’identità digitale del nostro brand: dall’immagine dei prodotti all’ottimizzazione del targeting del cliente”.

Le prime 5 regioni per vendite all’estero attraverso Amazon nel 2021
Le PMI non vendono solo nel proprio Paese, ma anche in tutto il mondo attraverso i negozi Amazon, raggiungendo un export totale di circa 800 milioni di euro nel 2021.
Analizzando le vendite all’estero delle PMI nelle singole regioni, la Lombardia si attesta al primo posto con un valore di oltre 125 milioni di euro, seguono, al secondo posto, la Campania con oltre 120 milioni di euro e al terzo il Lazio con oltre 70 milioni euro.
Segue il Veneto con oltre 70 milioni di euro mentre il Piemonte chiude la top 5 con un valore di oltre 50 milioni di euro.
Tra le altre regioni con un elevato livello di export figurano Toscana (oltre € 50 milioni), Puglia (oltre € 50 milioni), Emilia-Romagna (oltre € 40 milioni) e Sicilia (oltre € 25 milioni).

La classifica delle prime 5 regioni italiane con il più alto numero di PMI presenti su Amazon nel 2021
Le PMI che vendono su Amazon hanno sede in tutte le 20 regioni italiane e in tre regioni ci sono oltre 2.000 partner di vendita: in Lombardia (oltre 3.250), Campania (oltre 2.750) e Lazio (oltre 2.000). La top 5 delle regioni con maggiore presenza di PMI include anche la Puglia (oltre 1.700) e il Veneto (oltre 1.500).
È significativa la presenza di PMI anche in Emilia-Romagna con oltre 1.500, in Piemonte e Sicilia con oltre 1.250,  in Toscana con circa 1.250 e in Abruzzo con oltre 500 PMI.

Le prime 8 città italiane per numero di PMI presenti su Amazon nel 2021 e per valore dell’export attraverso Amazon
1. Napoli: oltre 1.750 PMI e più di € 80 milioni di vendite all’estero
2. Roma: oltre 1.500 PMI e più di € 50 milioni di  vendite all’estero
3. Milano: oltre 1.250 PMI e circa € 50 milioni di vendite all’estero
4. Torino: circa 750 PMI e più di € 35 milioni di vendite all’estero
5. Bari: oltre 600 PMI e più di € 20 milioni di vendite all’estero
6. Firenze: oltre 350 PMI e più di € 15 milioni di vendite all’estero
7. Bologna: circa 350 PMI e più di € 11 milioni di vendite all’estero
8. Palermo: oltre 300 PMI e più di € 6 milioni di vendite all’estero

Accelera con Amazon
I risultati annunciati sono frutto del continuo impegno di Amazon nel supportare le piccole e medie imprese italiane a digitalizzare e internazionalizzare il proprio business. In particolare, attraverso il programma di formazione gratuito “Accelera con Amazon”, lanciato a fine 2020 con l’obiettivo di aiutare le PMI e startup italiane nel loro percorso di digitalizzazione, Amazon ha supportato più di 11.000 imprenditrici e imprenditori italiani, e ne aiuterà ulteriori 20.000 entro la fine del 2022.

La vetrina Made in Italy 
Inoltre, la vetrina Made in Italy di Amazon, nata nel 2015, è un ulteriore strumento a disposizione delle piccole e medie imprese italiane che vendono su Amazon, finalizzato a valorizzare i prodotti realizzati nel nostro Paese da piccole e medie imprese e artigiani non solo per i clienti di Amazon.it, ma anche di Amazon.de, Amazon.fr, Amazon.esAmazon.co.uk e Amazon.com e recentemente anche di Amazon.co.jp e Amazon.ae. Oggi, sono oltre 4.500 gli artigiani e le PMI che usufruiscono della Vetrina Made in Italy di Amazon, la cui selezione di prodotti ha raggiunto oltre 1 milione di prodotti. A partire dal 2019, in aggiunta, oltre 2.000 piccole e medie imprese italiane hanno iniziato a vendere su Amazon grazie all’accordo con Agenzia ICE, rendendo disponibili oltre 240.000 nuovi prodotti per i clienti di Amazon.

***

Amazon
Amazon è guidata da quattro principi: ossessione per il cliente piuttosto che attenzione verso la concorrenza, passione per l’innovazione, impegno per l’eccellenza operativa e visione a lungo termine. Amazon punta ad essere l’azienda più attenta al cliente al mondo, il miglior datore di lavoro al mondo e il luogo di lavoro più sicuro al mondo. Le recensioni dei clienti, lo shopping 1-Click, le raccomandazioni personalizzate, Prime, Logistica di Amazon, AWS, Kindle Direct Publishing, Kindle, Career Choice, i tablet Fire, Fire TV, Amazon Echo, Alexa, la tecnologia Just Walk Out, Amazon Studios e il Climate Pledge sono alcune delle innovazioni introdotte da Amazon. Per maggiori informazioni, visitate il sito www.aboutamazon.it e seguite Amazon.it su InstagramFacebook e Twitter.