Acquistare farmaci online: le regole da seguire per una scelta consapevole

- Pubblicità -

Le farmacie online sono legali in Italia dal 2017, ma il loro boom l’hanno avuto nel 2020 con un incremento delle vendite di circa il 25% rispetto all’anno precedente e di un ulteriore 24% l’anno ancora dopo.

Questo a causa della pandemia covid-19 che ha costretto molte persone a restare all’interno delle quattro mura domestiche, spingendo maggiormente l’acquisto online piuttosto che quello di persona, e ha permesso infine di scoprire quali sono i vantaggi e le comodità delle farmacie online.

- Pubblicità -

Nonostante questo, molte persone hanno ancora dei dubbi in merito: situazione comprensibile, dato che si sta parlando di farmaci e quindi di salute, ed è ovviamente qualcosa a cui bisogna fare attenzione.

È di grande valore, in questo caso, il fatto che tale mercato sia al centro di controlli da parte dello Stato Italiano e degli enti preposti, che si occupano di verificare l’affidabilità di questi e-commerce e garantire l’assoluta sicurezza per gli acquisti su siti come Dr. Max, la farmacia on line famosa per il suo vasto assortimento.

Vediamo in questo articolo quali sono le garanzie utili a scegliere consapevolmente e con sicurezza dove e come acquistare farmaci online.

Cosa può essere venduto online?

Come abbiamo accennato, l’acquisto di farmaci è una situazione molto delicata, avendo a che fare con la salute delle persone e per questo non può essere un’attività libera da controlli o regole.

La prima tra questi riguarda proprio la tipologia di prodotti che possono essere venduti. Non tutti infatti sono permessi , ma solo i cosiddetti SOP, ovvero i farmaci senza obbligo di prescrizione.

Sono perlopiù farmaci da banco, che non richiedono l’intervento e il monitoraggio da parte di un medico per la diagnosi, la prescrizione e la sorveglianza nel trattamento. Questo non significa che siano farmaci privi di controindicazioni, ma solo che questi risultano perlopiù di lieve entità.

Quali sono le sicurezze per l’acquisto online?

Esistono dei metodi per essere sicuri che il sito su cui stiamo per acquistare sia affidabile. Il primo tra tutti, e il più importante, è verificare la presenza in home page del logo cliccabile relativo al Ministero della Salute.

Per poter aprire una farmacia online, infatti, sono necessari dei requisiti che questa deve soddisfare per poter ottenere il certificato da parte del Ministero e risultare idonea, nonché legale.

Tra questi requisiti vi è, ad esempio, la necessità di avere una sede fisica. Perciò solo farmacie o parafarmacie con licenza alla vendita possono aprire anche uno store online, dal momento che il titolare dispone di:

  • Laurea in Farmacia
  • Abilitazione
  • Partita Iva

Dal momento, perciò, in cui il farmacista decide di aprire anche un ecommerce, deve seguire una procedura per richiedere il permesso e l’abilitazione al Ministero della Salute.

Al termine di tutti i controlli in merito, il Ministero rilascia un logo personalizzato da esporre sul sito, sopra il quale l’utente può cliccare per essere rimandato alla pagina dell’ente statale e verificare la reale presenza della farmacia nella lista degli abilitati, che è liberamente visionabile.

Altre sicurezze che rendono la farmacia online più sicura per l’utente, in aggiunta all’abilitazione che è fondamentale, sono:

  • La presenza di sistemi di pagamento sicuri, come ad esempio Paypal
  • La presenza di un servizio clienti disponibile e facilmente contattabile

In più, un valore aggiunto sono le recensione degli utenti che è possibile leggere per assicurarsi che farmacia e prodotti siano esattamente conformi alle aspettative.

In conclusione

Le farmacie online hanno avuto negli ultimi anni un boom, grazie all’avanzare della tecnologia informatica e di internet, che ha portato uno spostamento maggiore del mercato e del commercio sul web.

Capire quali siano legali e affidabili, essendoci di mezzo la salute, è fondamentale e per fortuna abbastanza semplice: condizione assolutamente necessaria, infatti, è quella di possedere il bollino rilasciato dal Ministero della Salute che certifica l’assoluta sicurezza del sito.