Uzbekistan, intervista del Ministro degli Esteri Kamilov alla tv Russia 24.

0
127
Con Funshopping.it lavora da casa e guadagna on line generando un reddito aggiuntivo

Il 21 ottobre 2021, il ministro degli Affari Esteri della Repubblica dell’Uzbekistan Abdulaziz Kamilov ha rilasciato un’intervista esclusiva al corrispondente del canale televisivo Russia 24 Robert Frantsev.

Frantsev: Signor Ministro, grazie per aver dedicato del tempo nella Sua fitta agenda per un’intervista con il nostro canale televisivo.

Propongo di iniziare la nostra conversazione con le relazioni dell’Uzbekistan e Russia, che hanno mostrato un aumento senza precedenti negli ultimi anni. A questo proposito, vorrei sapere di cosa sta riempiendo l’agenda bilaterale la parte uzbeka?

Kamilov: Sono sinceramente lieto di incontrarLa nuovamente e rispondere alle Sue domande. E ciò con cui iniziamo è davvero di grande importanza.

Nella Sua domanda ha già indicato una valutazione dello stato delle nostre relazioni. Da parte mia, vorrei attirare la Sua attenzione sulle principali direzioni della nostra cooperazione con la Federazione Russa.

Prima di tutto, va notato che oggi le relazioni uzbeko-russe sono al culmine del loro sviluppo. In linea di principio, non ci sono stati tali progressi nella storia delle relazioni interstatali.

Le basi di una nuova fase di cooperazione sono state poste, prima di tutto, durante due visite di Stato: nel 2017 il Presidente della Repubblica dell’Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev si è recato nella Federazione Russa e nel 2018 il Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin ha visitato la Repubblica dell’Uzbekistan. I risultati di questi incontri hanno determinato le aree prioritarie di interazione e hanno gettato solide basi per la partnership strategica e le relazioni alleate.

In primo luogo, ad oggi, è stata formata un’agenda completa di cooperazione, che copre tutti i settori: politica, economia, legami culturali e umanitari, tecnologia, istruzione, medicina.

In secondo luogo, è stato raggiunto un alto livello di fiducia reciproca tra i leader dei due paesi. Il nostro rapporto si basa sui principi del buon vicinato e del rispetto reciproco. Questo spirito si muove verticalmente e orizzontalmente alle nostre società.

Approfittando del nostro incontro, vorrei sottolineare che negli ultimi anni le Parti attribuiscono grande importanza ai legami culturali e umanitari, che creano un contesto favorevole allo sviluppo delle relazioni in altri settori. In Uzbekistan si stanno compiendo sforzi attivi per rafforzare i legami culturali e umanitari. Nel Paese operano filiali di 15 importanti università russe, vengono creati centri per lo studio della lingua russa e viene fornito un supporto completo ai centri culturali. Si creano così tutte le condizioni per l’arricchimento reciproco delle nostre culture e la cooperazione in questi settori.

Vorrei sottolineare che l’Uzbekistan ha accolto con grande interesse la proposta del Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin alla recente riunione del Consiglio dei capi di Stato degli Stati membri della CSI sull’annuncio del 2023 “Il russo come lingua di comunicazione interetnica nella CSI”.

In questo contesto, l’Uzbekistan ha una grande esperienza storica. Ad esempio, negli anni ’70 a Tashkent, si è tenuto un grande forum con la partecipazione di rappresentanti delle comunità scientifiche e accademiche “La lingua russa è la lingua dell’amicizia e cooperazione dei popoli”. A questo proposito, abbiamo una certa esperienza, i nostri sviluppi, approcci metodologici per organizzare tali eventi. Noi saremo lieti di partecipare alle attività proposte.

Inoltre, le nostre relazioni, oggi, hanno un’importante direzione strategica legata ai problemi della sicurezza nazionale e regionale. Questa è anche una conferma dell’alto livello di fiducia reciproca.

In una parola, i nostri legami hanno raggiunto un livello completamente nuovo. In termini pratici, le nostre relazioni di partnership strategica e di alleanza sono piene di contenuti concreti.

Frantsev: Lei ha menzionato la sicurezza tra le aree di cooperazione. In questo contesto, ovviamente, l’attenzione dell’intera comunità mondiale oggi è fissata sugli eventi avvenuti in Afghanistan. All’inizio di ottobre Lei ha compiuto un atto coraggioso visitando Kabul subito dopo i famosi eventi drammatici per un incontro con i rappresentanti del nuovo governo dell’Afghanistan. Per favore vuole condividere le Sue impressioni su questa visita.

Kamilov: Abbiamo già parlato di questa visita e fornito informazioni dettagliate. Ma, prima di passare ad alcuni aspetti del problema afghano, vorrei congratularmi con la parte russa per il buon andamento delle consultazioni del formato moscovita sull’Afghanistan. Ho letto con attenzione il discorso del ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, la dichiarazione finale dell’evento, i discorsi e le opinioni di tutti i partecipanti all’incontro.

In linea di principio, le opinioni dell’Uzbekistan e della Russia sul problema afghano coincidono completamente. Questo crea una base affidabile per la nostra azione comune su un problema così acuto come la questione afghana.

È necessario prestare attenzione al fatto che nel corso del formato di Mosca sono stati identificati problemi chiave che richiedono la loro soluzione. Ed è stato fatto in uno spirito calmo, senza alcuna pretesa reciproca. Il punto principale era, per quanto abbiamo capito, che è necessario lavorare con i talebani.

Per quanto riguarda il nostro rapporto con l’Afghanistan, abbiamo stabilito contatti con il Movimento “Taleban” negli anni ’90. Nel 1999 abbiamo tenuto una conferenza in Uzbekistan con l’invito della loro delegazione guidata da Amir Khan Muttaqi, che oggi è il ministro degli Esteri ad interim [dell’Afghanistan].

L’idea, che questa è una realtà e che non si può farne a meno, ha suonato molto bene nel discorso di Sergei Lavrov [alla riunione del formato di Mosca], quindi si deve lavorare insieme in questa direzione. Non ci sono altre alternative.

Un conto è avere un contatto diretto, cercare di influenzare e incoraggiare, aiutare. Un altro conto è esigere la creazione di un governo inclusivo, stando seduti in un altro continente. Queste sono due cose diverse.

Dalla nostra esperienza di comunicazione con afghani e partner nel mondo musulmano, posso dire che la soluzione di molte questioni importanti in Oriente ha un suo lato specifico, in relazione al quale gli approcci standard esistenti non sono sempre produttivi. Pertanto, abbiamo cercato di avere contatti costanti [con i partner afghani].

Recentemente abbiamo invitato una numerosa delegazione [dell’Afghanistan] a Termez, guidata dal sig. Hanafi, che ha anche guidato la delegazione del paese alla riunione nel formato di Mosca. Alle trattative di Termez era presente quasi l’intera composizione del governo ad interim. Abbiamo deciso di cooperare non solo verticalmente – a livello di leadership del paese, ma anche orizzontalmente in modo che ogni ministero e il dipartimento coordinino le loro azioni, in quasi tutti i settori: sicurezza delle frontiere, legami economici, commercio, aiuti umanitari, istruzione. Gli studenti [afghani] che studiano nel nostro paese potranno continuare i loro studi.

A nostro avviso, i talebani sono pienamente consapevoli della realtà. Il nuovo governo vuole davvero essere integrato nella comunità regionale e internazionale più ampia. Sono pronti a compiere alcuni passi positivi. Naturalmente, dopo quarant’anni di guerra e l’esistenza di varie ideologie, dei cambiamenti saranno effettuati con difficoltà. Tuttavia, stanno già facendo alcuni passi che supportiamo, incoraggiamo e insieme collaboreremo insieme a loro in questo senso.

Le faccio un esempio specifico: dopo il nostro viaggio nella provincia di Balkh adiacente ai confini dell’Uzbekistan, il giorno dopo tutte le ragazze sono andate a scuola. Altre regioni hanno seguito l’esempio. I talebani promettono che le donne lavoreranno nell’istruzione, nella medicina e in altri sfere… Cioè, gradualmente tutto sta cambiando. Certo, c’è una specificità in Afghanistan, è un paese musulmano con le proprie tradizioni, la religione e valori spirituali. Tuttavia, a nostro avviso, l’Afghanistan potrebbe essere ed è degno di entrare a far parte della famiglia regionale e della comunità internazionale. Per questo si deve lavorare con loro.

Frantsev: Il concetto di multivettore. Cosa contribuisce a questo concetto l’Uzbekistan? Cosa accadrà se il Paese diventa uno spazio di collisione di interessi di oppositori geopolitici?

Kamilov: Prima di tutto, non si deve attribuire qualcosa di negativo nel concetto di “multivettore”. Qualsiasi paese vuole perseguire una politica multivettore. Un’altra cosa è che alcuni di loro riescono, mentre altri non hanno successo a causa di varie circostanze. Ma questa è un’altra domanda.

Un mondo multipolare sta prendendo forma oggi. Se vivi in ​​un mondo del genere e fai affidamento su una politica unilaterale, un vettore unilaterale, allora una tale politica sarà insufficientemente produttiva e persino controproducente. Inoltre, un tale corso può comportare alcuni rischi.

Per quanto riguarda la rivalità tra le maggiori potenze, bisogna essere realisti e ammettere che è già in atto. Inoltre, anche tra gli Stati che esteriormente sono considerati abbastanza vicini. Tuttavia, questa rivalità sta avvenendo nella regione. In tali condizioni, sorge la domanda, cosa faremo? Faremo lo stesso di adesso. Questa è la prima cosa.

Sfortunatamente, la rivalità sta guadagnando slancio quando compaiono i primi segni di una nuova Guerra Fredda. Ciò aggrava ulteriormente le conseguenze di questo fenomeno, poiché la situazione nel mondo è ancora più inasprita. Non vorremmo che la concorrenza e la rivalità avessero per noi conseguenze politiche indesiderabili. È inaccettabile che ci mettano in una posizione in cui, a causa di una parte, saremo costretti a scegliere una posizione inaccettabile per l’altra. Questo difficile compito richiede un serio lavoro diplomatico.

In generale, abbiamo già esperienza in questa direzione. L’Asia Centrale è sempre stata sotto i riflettori tenendo conto della sua posizione geostrategica. Certamente non vogliamo che ci siano conseguenze.

Se torniamo alle origini e alle cause profonde dello stesso problema afghano, esso è diventato, prima di tutto, il risultato di un duro confronto tra i due sistemi politici durante l’era della Guerra Fredda. Pertanto, dopo sono già iniziati altri scenari.

Quindi, continueremo la linea che stiamo attualmente perseguendo. Abbiamo una visione chiara e un concetto preciso. Non entreremo in conflitto con nessuno e procederemo sempre considerando i nostri interessi nazionali.

Frantsev: Lei ha nominato la situazione in Asia Centrale. Vediamo quanti sforzi sta facendo l’Uzbekistan per creare un’atmosfera di fiducia reciproca e cooperazione nella regione. Stiamo assistendo alla creazione di un nuovo clima in Asia Centrale. Come l’Uzbekistan vede la nuova agenda per la cooperazione regionale?

Kamilov: Negli ultimi anni, insieme agli Stati confinanti, è stato fatto un grande lavoro in termini di risoluzione dei problemi bilaterali accumulati, anche nelle aree più delicate. Questo era il tema principale della nostra agenda. Per realizzare la solidarietà centroasiatica e rafforzare i processi di avvicinamento, è necessario innanzitutto risolvere i problemi bilaterali, con un successivo passaggio alla risoluzione dei problemi regionali.

Tanto lavoro è stato fatto nella nostra regione sulla delimitazione e demarcazione dei confini statali, sull’uso razionale delle risorse idriche, sullo sviluppo delle comunicazioni di trasporto e molte altre aree. Il nuovo livello di fiducia reciproca osservato oggi e un’atmosfera positiva ci consentono di discutere le questioni di sicurezza regionale in modo professionale e calmo.

Per quanto riguarda le prospettive, devo dire francamente: abbiamo risolto molto, ma c’è ancora molto da fare. Rimangono questioni che devono essere affrontate. Ma speriamo che sia molto più facile risolverle, dal momento che si è formato un clima politico completamente diverso. Abbiamo già esperienza sufficiente nella risoluzione di problemi complessi e intricati.

Frantsev: Signor Ministro, grazie mille per l’intervista e per le risposte interessanti e dettagliate!

Pclove.it vendita on line di notebook, computer, pc all in one, laptop, pc nuovi on box ed usati grade A

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui