Sondaggio Dire-Tecnè: un italiano su quattro boccia il governo, fiducia in Draghi ancora in calo

0
26

Monitor Italia, il sondaggio settimanale dell’Agenzia Dire in collaborazione con istituto Tecnè, certifica il trend in calo per premier e governo

Cala ancora, seppure leggermente, la fiducia nel premier Mario Draghi che scende rispetto al 2 febbraio dello 0,3%. E’ quanto emerge dal sondaggio Dire-Tecnè realizzato l’11 febbraio 2022 su un campione di mille persone.

Oggi il 55,1% degli italiani ha fiducia nel presidente del Consiglio. Si tratta di un trend costante, che va avanti ormai dal 3 settembre quando la percentuale degli italiani ottimisti era del 67,1%. Ad inizio mandato, il 13 febbraio 2021, il presidente del Consiglio godeva del 61% dei consensi.

DIRE-TECNÈ: ANCORA IN CALO FIDUCIA IN GOVERNO

Cala ancora la fiducia nel governo Draghi, che scende rispetto al 2 febbraio fa dello 0,5%. E’ quanto emerge dal sondaggio Dire-Tecnè realizzato l’11 febbraio 2022 su un campione di mille persone. L’esecutivo guidato dall’ex presidente Bce ora ha il 50,3% della fiducia degli italiani. Non siamo ancora vicini alle percentuali più basse, quelle intorno al 45% registrate a maggio 2021, ma nemmeno ai picchi di inizio mandato, quando a febbraio 2021 il 59% degli italiani era fiducioso nel suo operato.

DIRE-TECNÈ: GOVERNO PEGGIO DI ASPETTATIVE PER 24% ITALIANI

L’azione del governo Draghi è stata migliore delle aspettative di un anno fa per il 21% degli italiani ma peggiore per il 24%. E’ quanto emerge dal sondaggio Dire-Tecnè realizzato l’11 febbraio 2022 su un campione di mille persone.

Si suddividono in modo abbastanza equo gli italiani per quel che riguarda la soddisfazione delle aspettative dopo un anno di governo guidato dall’ex presidente della Bce. A fronte di una percentuale simile tra i soddisfatti e i delusi, emerge una fetta consistente di popolazione che non ha avuto particolari sorprese. Per il 43% degli intervistati, infatti, l’azione di governo è stata “uguale” alle aspettative della vigilia (il 12% “non sa”).

fonte Agenzia Dire.it