Pd e Azione Più Europa, c’è l’accordo tra Letta e Calenda

0
9

Raggiunto l’accordo tra Enrico Letta e Carlo Calenda: prevede 15 collegi sicuri e blindati per Azione-più Europa, no ai candidati divisi nei collegi uninominali

Raggiunto l’accordo tra Pd e Azione Più Europa. Lo apprende l’agenzia Dire. Il vertice alla Camera tra Enrico Letta, Carlo Calenda, Benedetto Della Vedova e le rispettive delegazioni è in corso da un’ora e mezza ed ha riguardato in particolare le candidature nei collegi uninominali.

A CALENDA 15 COLLEGI SICURI

A quanto apprende l’agenzia Dire da fonti di partito, l’accordo tra Pd e Azione-Più Europa, siglato in questi minuti alla Camera da Enrico Letta, Carlo Calenda e Benedetto Della Vedova prevede 15 collegi tra ‘blindati’ e sicuri ad Azione-Più Europa.

LA CONFERENZA STAMPA NEL POMERIGGIO

A quanto si apprende nel pomeriggio Enrico Letta e Carlo Calenda dovrebbero tenere una conferenza stampa congiunta alla Camera.

LEGGI ANCHE: Conte: “Il Pd ci ha umiliato, spieghi ai suoi elettori perchè ci ha escluso”

VIA LEADER E DIVISIVI DAI COLLEGI

Via i big e i candidati divisivi dall’uninominale. Ecco cosa prevede il patto elettorale tra Pd Azione Più Europa per quanto riguarda le candidature. “Le parti si impegnano a non candidare personalità che possano risultare divisive per i rispettivi elettorati nei collegi uninominali, per aumentare le possibilità di vittoria dell’alleanza.

Conseguentemente, nei collegi uninominali non saranno candidati i leader delle forze politiche che costituiranno l’alleanza, gli ex parlamentari del M5S (usciti nell’ultima legislatura), gli ex parlamentari di Forza Italia (usciti nell’ultima legislatura)”.

COLLEGI DIVISI 70% E 30%

“La totalità dei candidati nei collegi uninominali della coalizione verrà suddivisa tra Democratici e Progressisti e Azione/+Europa nella misura del 70% (Partito Democratico) e 30% (+Europa/Azione), scomputando dal totale dei collegi quelli che verranno attribuiti alle altre liste dell’alleanza elettorale. Questo rapporto verrà applicato alle diverse fasce di collegi che verranno indentificati di comune intesa”. Lo prevede il patto elettorale sottoscritto da Enrico Letta, Carlo Calenda e Benedetto Della Vedova.

LETTA E CALENDA FRONT RUNNER, TEMPO TV DIVISO 70% E 30%

Anche il tempo di parola in Tv oggetto del patto tra Letta, Calenda e Della Vedova.
Si legge: “Le parti si impegnano a chiedere che il tempo di parola attribuito alla coalizione nelle trasmissioni televisive sia ripartito nelle stesse percentuali applicate ai collegi. Le liste del Partito Democratico e di Azione/+Europa parteciperanno alla campagna elettorale guidate da Enrico Letta, frontrunner per i democratici e progressisti, e Carlo Calenda, frontrunner per Azione/+Europa e liberali”.