PASQUA AI TEMPI DEL CORONAVIRUS, IL PRANZO IN CASA

0
373
Con Funshopping.it lavora da casa e guadagna on line generando un reddito aggiuntivo

Come sarà il pranzo di Pasqua? Per la prima volta in versione lockdown e in sostanziale isolamento a causa della pandemia da Coronavirus. Secondo l’Osservatorio di TuttoFood, la rassegna internazionale dell’agroalimentare di FieraMilano, gli italiani sono divisi in due scuole di pensiero, tra chi non vuole rinunciare a un menù ‘firmato’, particolare, cucinato da chef e chi invece, nella tranquillità casalinga e con il tanto tempo a disposizione si cimenterà in cucina, come da tradizione e abitudine per le festività più importanti, oppure magari per la prima volta.
In molte Regioni (ma non tutte) ai ristoranti è consentito proseguire l’attività per la consegna a domicilio e gli italiani ne stanno approfittando: il 40% dei ristoratori segnala una crescita della domanda di food delivery. Ha cominciato a utilizzare il sistema un nuovo 10% di italiani, mentre chi già lo utilizzava prima ha incrementato la frequenza di ordini e si calcola che il 53% di italiani abbia fatto più di un ordine nell’ultimo mese considerando anche le pizzerie. Qualcuno ha fatto anche il percorso contrario e si è messo a cucinare volentieri in casa, magari ordinando sul web o per telefono gli ingredienti.
Per la settimana da lunedì 16 a domenica 22 marzo, il Barometro Nielsen ha registrato una crescita del 142% (+45% rispetto a una settimana prima) per le vendite online nei prodotti di largo consumo. Ma anche quelli che hanno fatto pazientemente la fila in guanti e mascherina per entrare al supermercato sembra si siano scoperti cuochi autodidatti, visto che gli acquisti di farina sono aumentati del 185,3% rispetto alla stessa settimana dell’anno scorso. Aumenti si sono registrati anche per preparati per torte e dessert, zucchero e per gli ingredienti della pasticceria.
Nella ricerca della qualità, i prodotti naturali, del territorio o a Km Zero si confermano in primo piano.
“Non serve correre a comprare ingredienti magari mai usati prima – suggerisce lo chef Luca Malcrida – . Meglio imparare a usare le giacenze di casa. Un buon modo di celebrare la Pasqua in modo semplice e diverso può essere la colazione a base di uova sode, salumi e focaccia al pecorino”. Per il giovane chef napoletano Luigi Barone “in generale, è il momento di rivalutare la versatilità delle verdure fresche, che ci aiutano anche a mangiare più sano in un momento in cui siamo costretti a una vita sedentaria”. “Sincera, vera, ‘povera’ sono le parole d’ordine della cucina per la Pasqua di quest’anno all’insegna della sostenibilità e biodiversità locale” suggerisce Vincenzo Butticè, chef de Il Moro di Monza. Infine, secondo lo chef milanese Massimo Moroni “il segreto per creare ‘l’effetto ristorante’ è l’ alternanza tra una portata di carne e una di pesce”.
Infine, in questa Pasqua ‘diversa’ un gran peso lo giocherà la fantasia, l’inventiva di creare – non per far vedere gli altri ma solo per noi – ‘location’ che possano dare ai nostri pranzi e cene l’allure di una serata fuori: dal terrazzo o in giardino per chi li ha, alle tovaglie alle luci in un altro spazio della casa

Babazar.it migliaia di prodotti con sconti eed offerte speciali

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui