Natale, attesa per il dpcm: il Governo sceglie la linea del rigore, renziani in pressing per aprire ristoranti

0
191
Villaggio Turistico Golden Beach a Paestum in Cilento, bandiera blu, prenota la tua vacanza al mare

Il governo conferma la linea del rigore nel vertice con le Regioni, i Comuni e le province convocato dal ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, in vista del prossimo dpcm che dovrà rinnovare le misure restrittive per tutto il periodo delle festività natalizie

L’esecutivo va infatti verso la conferma delle restrizioni gia’ trapelate in questi giorni: coprifuoco alle 22 anche nelle regioni gialle, no agli spostamenti tra le regioni e chiusura degli impianti sciistici.

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha ribadito, secondo quanto apprende la Dire, “che non si puo’ tornare indietro dalle misure previste“, almeno “non prima della fine delle vacanze di Natale”.

Concetto ripreso anche da Boccia secondo il quale “le deroghe vanno limitate il piu’ possibile”. Perche’ il sistema tenga, ha sottolineato il ministro, “e’ indispensabile non fare eccezioni”. Necessario, quindi, “mantenere la stretta collaborazione di questi giorni e dalla prossima settimana, con il dpcm alle spalle che ci portera’ fino a dopo l’Epifania, lavoreremo sulle questioni rimaste aperte”. Lecito attendersi quindi che le misure adottare nel dpcm del 3 dicembre possano durare fino a meta’ gennaio.

Su quest’ultimo punto, i ministri hanno ribadito che dipendera’ “dalla capacita’ di tenuta durante le feste”. Infine, anche sulle aperture delle piste, poco margine. Il ministro Speranza ha ribadito quanto detto piu’ volte: il problema non sono gli impianti in se’, ma le situazioni di socialita’ che inevitabilmente verrebbero a crearsi.

STOP MOBILITA’ DA 21/12, IPOTESI DEROGHE PER FAMILIARI E SECONDE CASE

Nel corso del vertice tra il premier Giuseppe Conte e i capigruppo di maggioranza seguito alla riunione con le Regioni è emersa la possibilita’ di deroghe allo stop alla mobilita’ tra regioni, che scatterebbe dal 21 dicembre. Tra le eccezioni in corso di valutazione c’e’, a quanto si apprende, i ricongiungimenti familiari e le seconde case. Una terza possibilita’, di raggiungere alberghi, e’ considerata “piu’ controversa” da fonti presenti al vertice.

IV CHIEDE RISTORANTI APERTI 25 E 26 DICEMBRE A PRANZO

A quanto si apprende, nel corso del vertice tra il premier Giuseppe Conte e i capigruppo di maggioranza, Italia viva ha proposto di tenere aperti i ristoranti a pranzo il 25 e 26 dicembre. Una proposta contraria all’ipotesi avanzata dal premier, che aveva annunciato invece l’intenzione di tenerli chiusi.

FONTANA: “VOLONTA’ DEL GOVERNO E’ VIETARE GLI SPOSTAMENTI TRA REGIONI”

“Oggi abbiamo avuto, come Regioni, un incontro con il Governo, durante il quale l’esecutivo ha dichiarato la volonta’, nel prossimo Dpcm, di mantenere, per il prossimo mese, una serie di misure abbastanza rigorose. Come, ad esempio, il divieto di trasferimento tra le Regioni, particolari attenzioni per le feste a Natale e Capodanno, e limitazioni, o addirittura divieti, riguardanti gli impianti sciistici. Quest’ultimo e’ un tema da considerare nell’ambito di un’intesa di carattere europeo”. Cosi’ il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, dopo il confronto tra Regioni e Governo sul prossimo Dpcm per contenere la diffusione del Covid-19.

“Da parte mia- aggiunge il presidente lombardo- ho avanzato la proposta di svolgere una serie di interventi di piu’ ampio respiro che consentano di mantenere in vita le attivita’ economiche e che garantiscano la sanita’ pubblica“.

Insomma, “non essere noi a inseguire il virus- chiude Fontana– ma fare in modo che la nostra programmazione preceda lo sviluppo del virus stesso”.

TOTI: “CONFRONTO GOVERNO-REGIONI PROFICUO, ORA VALUTARE NORME DPCM”

Oggi abbiamo avuto un confronto proficuo con il Governo, partendo anche dalle prime considerazioni che abbiamo inviato ieri sera. Ora attendiamo di valutare nel dettaglio le norme del prossimo Dpcm“, lo ha dichiarato il vicepresidente della Conferenza delle Regioni, Giovanni Toti, al termine del confronto odierno con i ministri Boccia, Speranza, il commissario Arcuri e il capo della protezione civile, Borrelli.

“Il ministro Boccia e il ministro Speranza- ha aggiunto Toti- ci hanno preannunciato l’invio di un testo nelle prossime ore, dopo il necessario passaggio in Parlamento. C’e’ la consapevolezza comune in un’ottica di leale collaborazione istituzionale della necessita’ della massima condivisione delle regole che dovranno essere stabilite e che riguarderanno un periodo dell’anno come quello delle imminenti festivita’, particolarmente delicato e strategico sul piano socio-economico. Cosi’ come c’e’ un’assoluta percezione dell’esigenza di non abbassare la guardia in termini di prevenzione e sicurezza”.

“Abbiamo sottoposto al Governo diverse questioni e fra queste-ha concluso Toti- sottolineo il superamento dei termini per il passaggio tra le diverse fasce, un’azione strategica condivisa per contrastare di ogni forma di assembramento, anche per determinare misure eque, l’esigenza di una forte compagna di comunicazione che aumenti il grado di consapevolezza dei cittadini, e il tema degli automatismi dei ristori”.

ZAIA: “MI SA CHE PROPOSTA SCI CON PERNOTTO NON PASSERÀ”

L’idea di “garantire l’utilizzo degli impianti sciistici a coloro che soggiornano, evitando i pendolari, mi sa che non passera’”, perche’ “quella sentita questa mattina e’ una posizione ferrea”. Lo spiega il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, che questa mattina ha partecipato ad una riunione con il governo sul tema.

E per quanto riguarda il problema degli impianti aperti negli altri Paesi, che farebbero cosi’ concorrenza sleale a quelli italiani, costretti a rimanere chiusi, “Boccia dice che il premier sta lavorando affinche’ tutti chiudano, staremo a vedere”, conclude Zaia.

fonte Agenzia Dire.it

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui