La prima Zecca diventerà polo culturale

0
611
L'amministratore delegato IPZS Paolo Aielli durante la cerimonia di consegna della medaglia in argento per i 60 anni del Ministero della Salute presso il Museo della Zecca, Roma, 03 novembre 2017. ANSA/ANGELO CARCONI
Lavora da casa e guadagna on line generando un reddito aggiuntivo

Dal 1911 è stata la ‘fabbrica’ delle monete del Regno d’Italia e della Repubblica Italiana, dalla lira all’euro. Adesso si prepara a diventare un polo culturale multifunzionale nel quartiere Esquilino. La prima Zecca d’Italia a Roma, voluta da Vittorio Emanuele III, il ‘re numismatico’, sarà riqualificata per ospitare uno spazio artistico e museale e custodire al meglio le monete artistiche che hanno fatto la storia del nostro Paese. Il progetto di recupero dell’edificio del ‘900 è stato presentato questa mattina dall’ad del Poligrafico e Zecca dello Stato Paolo Aielli e dal gruppo guidato dallo Studio Atelier(S) Alfonso Femia (che si è aggiudicato il primo premio del concorso internazionale bandito dal Poligrafico a marzo 2018), alla presenza della sindaca Virginia Raggi.

Lavora da casa e guadagna on line generando un reddito aggiuntivo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui