Il 15 maggio manifestazione cittadina al Santa Maria della Pietà

0
204
Funshopping.it crea la tua vetrina gratis per vendere on line - acquista migliaia di prodotti con sconti fino al 70%

In queste settimane la Società civile si è schierata per l’uso pubblico, culturale e legale del Santa Maria della Pietà. 25 associazioni cittadine e reti nazionali della salute mentale, 74 reti cittadine, realtà del volontariato, sociali, politiche e sindacali, 84 centri sociali, ciclofficine, compagnie teatrali e gruppi artistici, decine di artisti, giuristi, urbanisti hanno sottoscritto l’appello promosso dal Comitato.

Queste realtà lanciano l’appuntamento al Santa Maria della Pietà per una Manifestazione cittadina sabato 15 maggio 2021.

Ogni anno, dal 2005, al Santa Maria della Pietà, si è celebrata l’approvazione della la Legge 180 (13 maggio 1978) con incontri ed eventi artistici.

il 15 Maggio, ricorderemo ancora il percorso di liberazione che ha portato alla Riforma Psichiatrica più avanzata del mondo, alla fine dell’Istituzione totale e coercitiva che era il manicomio ad affermare la necessità di completare l’opera del movimento basagliano.

Vogliamo farlo liberando gli spazi e i luoghi della città dal dominio del profitto e dagli interessi di potere, riconsegnando alle persone la possibilità di partecipare, di conoscere e di decidere.
Nelle Giornate Basagliane risuoneranno le note della sostenibilità ambientale, della giustizia sociale, della solidarietà economica, del rilancio della dimensione Pubblica, del valore trasformativo e vitale dell’arte e della cultura.

Nella mattinata il Parco sarà “invaso” da performance, mostre, laboratori, attività per bambini.

Nel pomeriggio un corteo per le vie di Monte Mario si concluderà con un’Assemblea cittadina che darà voce alle vertenze, alle attività di quella società civile che non si arrende e che pretende di essere coinvolta nelle scelte territoriali come in quelle globali.

Chiediamo che si rispettino le regole dal punto di vista formale e, soprattutto sostanziale, che si ascolti la città e si apra alla partecipazione vera per la sua riprogettazione.

Chiediamo un uso corretto e legale della Centralità Urbana Pubblica S. Maria della Pietà, la restituzione del Padiglione 31 alla cura e alla tutela dei cittadini che l’hanno fatto per 16 anni, la sospensione dei progetti arbitrari e illegittimi in atto, la realizzazione di un Polo socio-culturale di economia sociale e solidale, la destinazione dei redditi prodotti ai progetti territoriali di Salute Mentale come previsto dalle normative.

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui