Bandiere Blu Lazio 2022: la mappa delle 10 spiagge premiate

0
79

Quest’anno sono 10 le Bandiere Blu che svettano sulle spiagge del Lazio. Si raggruppano per lo più sul litorale a sud di Roma e precisamente nella provincia di Latina tranne il lago di Trevignano Romano che da 5 anni rinnova la qualità delle sue spiagge.

La Bandiera Blu è un riconoscimento internazionale, istituito nel 1987 Anno europeo dell’Ambiente, che viene assegnato ogni anno in 49 paesi, inizialmente solo europei, più recentemente anche extra-europei. Il famigerato vessillo della Bandiera Blu è un’etichetta ecologica volontaria assegnata alle località turistiche balneari che rispettano criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio. Andiamo a scoprire le spiagge premiate con il tanto agognato vessillo: clicca sui link che trovi qui sotto.

Bandiere Blu 2022, Lazio: Minturno

A un passo dalla Campania, dal Parco Naturale dei Monti Aurunci e dal sito archeologico Minturnae si estendono le suggestive spiagge di Minturno. Dalla spiaggia dei Sassolini, set cinematografico di alcuni film come il Conte di Montecristo e Per grazia ricevuta, raggiungibile dopo un percorso non semplicissimo, alla spiaggia bionda e sabbiosa più semplice da raggiungere e servita anche da stabilimenti balneari, il litorale di Minturno si estende dolcemente tra spiagge,  cale  e  acque cristalline. Qui la Bandiera Blu sventola incontrastata.

Bandiere Blu 2022, Lazio: Gaeta

Con il suo borgo che si affaccia sul mare, Gaeta, oltre alle bellezze artistiche, archeologiche e ai colori della macchia mediterranea che la circonda è un’ottima meta estiva per le sue spiagge e il suo mare. Infatti qui da ben nove anni sventola la Bandiera Blu in ben quattro spiagge:  Arenauta, Ariana, Sant‘Agostino, Serapo.

Bandiere Blu 2022, Lazio: Litorale di Fondi

Tra Gaeta e Sperlonga si estende per circa 13 chilometri il litorale di Fondi caratterizzato dalle sue acque cristalline e dalla sua sabbia dorata finissima  interrotta da dune dove regna una fitta vegetazione mediterranea. Un tratto di spiaggia non molto conosciuto, ma incantevole, dove il tempo sembra essersi fermato. Gli stabilimenti balneari con i loro colori marini sono parte integrante del paesaggio. E anche questi 13 chilometri di litorale hanno ottenuto il famigerato vessillo.

Bandiere Blu 2022, Lazio:  Sperlonga

Il borgo bianco, così come viene chiamata Sperlonga, oltre all’emozione dei suoi candidi vicoli che sembrano tuffarsi nel mare cristallino e al viaggio nel passato dato dalla Grotta di Tiberio con i resti della villa imperiale, offre spiagge dorate dalla sabbia finissima così belle e praticabili che anche quest’anno hanno ottenuto la tanto agognata Bandiera Blu che svetta incontrastata su queste spiagge – Ponente, Lagolungo, Bazzano Levante – da più di vent’anni.

Bandiere Blu 2022, Lazio: Terracina

Un  gioiello di storia, archeologia  si affaccia sul litorale di Latina tra Sperlonga e San Felice Circeo, questo è la piccola città di Terracina. Il mare su cui si affaccia è cristallino e di un blu inconfondibile e le spiagge sono l’espressione della cura e del rispetto di una città in equilibrio perfetto tra storia, arte, natura e futuro. E così, per l’ottavo anno consecutivo, le spiagge di Terracina – Levante, Ponente – conquistano il riconoscimento internazionale della Bandiera Blu.

Bandiere Blu 2022, Lazio: San Felice Circeo

Il promontorio naturale a circa 100 metri di altezza del mare su cui sorge San Felice Circeo ha una storia antichissima che inizia con gli Neanderthal, protagonista anche del mito di Ulisse e della Maga Circe, raccontato da Omero nell’Odissea. Il litorale su cui si affaccia il paese di San Felice Circeo è un susseguirsi di cale, scogliere  e spiagge note per la loro bellezza e per le acque cristalline dove potersi tuffare liberamente. Così anche quest’anno sventola incontrastata la Bandiera Blu a certificare la qualità delle acque, dell’ambiente circostante, della cura per mantenere intatto il litorale con la sua storia e le sue bellezze.

Bandiere Blu 2022, Lazio: Sabaudia

Tra il Circeo ed Anzio il litorale della cittadina Sabaudia svetta incontrastato tra i suoi ampi spazi verdi e la sua spiaggia che si estende per circa dieci chilometri isolata dalla strada grazie a una barriera di dune che sono diventate Patrimonio Europeo. I ginepri qui sono di casa e la macchia mediterranea si inoltra all’ombra del promontorio del Circeo. I fondali trasparenti  che degradano dall’azzurro a verde e l’alto grado di pulizia delle acque marine, donano una serie di variazioni cromatiche che rilassano lo sguardo. Lungo tutto il litorale l’accesso alla spiaggia è agevolato dalle passerelle che permettono di mantenere intatte le dune che caratterizzano il litorale. Proprio per queste caratteristiche rimaste intatte nel tempo anche quest’anno Sabaudia si aggiudica la Bandiera Blu.

Bandiere Blu 2022, Lazio: Latina mare

Il litorale della città di Latina,  conosciuta come Latina Lido o Marina di Latina, è formato da una spiaggia interamente sabbiosa lunga circa 1500 metri, incastonata tra alte scogliere ricoperte dalla vegetazione tipica della macchia mediterranea. Le acque sonno azzurre e cristalline e i fondali sabbiosi rendono agevole i bagni anche ai bambini. La costa ottimamente preservata è stata così premiata con la Bandiera Blu che sventola incontrastata sul litorale.

Bandiere Blu 2022, Lazio: Anzio

Sul litorale romano Anzio con le sue spiagge si conferma anche quest’anno una delle migliori spiagge d’Italia. Mare cristallino, spiagge ben attrezzate e spiagge libere coperte da una rigogliosa macchia mediterranea fa di questa cittadina affacciata sul mare con il suo piccolo porto turistico, una delle mete più gettonate a pochi chilometri da Roma.

Bandiere Blu 2022, Lazio: Trevignano Romano

Affacciato sul lago di lago di Bracciano, il piccolo Borgo di Trevignano Romano con le sue spiagge è stato premiato con la Bandiera Blu. A salvaguardia delle acque di questo piccolo lago, considerate tra le più pulite d’Italia, da anni, è stata vietata la navigazione per i veicoli a motore, con eccezione del traghetto e di alcune barche di pescatori locali. Tra ciottoli e sabbia spesso i prati arrivano quasi a pelo d’acqua e la folta vegetazione abbraccia dolcemente le acque.

fonte mentelocale.it