Mostre, eventi e appuntamenti del weekend

0
58

Roma Capitale della cultura anche per questo weekend con un fitto calendario di incontri, eventi, mostre, attività. Eccone alcuni per il fine settimana di venerdì 4, sabato 5 e domenica 6 ottobre. 

 

Per la prima domenica del mese, il 6 ottobre ingresso gratuito nei Musei Civici per i residenti a Roma e nella Città Metropolitana. Per informazioni www.museiincomuneroma.it. Domenica 6 ottobre, oltre alle collezioni permanenti dei Musei, è possibile visitare gratuitamente le tante mostre in corso a esclusione della mostra Claudio Imperatore al Museo dell’Ara Pacis. Inoltre, sono in programma visite guidate per adulti e famiglie dal titolo Ci vediamo alle 11! Speciale prima domenica del mese, alla riscoperta delle collezioni stabili, in occasione, appunto, delle aperture con biglietto gratuito. Le visite si svolgono al Museo di Roma in Trastevere, al Museo di Roma e alla Galleria d’Arte Moderna. A Villa Torlonia, invece, la visita E vai col terno! si svolge alle 10.00 di domenica, condotta da un operatore didattico che guida il pubblico alla scoperta dei tre spazi espositivi della Villa.

 

Molte altre manifestazioni animano la città da venerdì 4 a domenica 6 ottobre, variando dalle esperienze immersive di Circo Massimo, Fori e Ara Pacis alle mostre nei Musei Civici, alle attività per bambini e famiglie al Museo Civico di Zoologia e ai Musei Capitolini, alle iniziative alla Casa del Cinema.

 

Con il ticket FORUM PASS. Alla scoperta dei Fori si può accedere al percorso unificato dell’area archeologica Foro Romano-Palatino e Fori Imperiali, realizzato grazie all’intesa siglata dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni culturali e dal Parco archeologico del Colosseo per conto di Roma Capitale e MIBACT. Sono cinque gli ingressi dai quali si può accedere: quattro del Parco Archeologico del Colosseo (largo Corrado Ricci, via Sacra in prossimità dell’arco di Tito, via di San Gregorio, via del Tulliano di fronte al carcere Mamertino) e uno della Sovrintendenza Capitolina (piazza della Madonna di Loreto, vicino alla Colonna Traiana). L’orario di apertura al pubblico è 8.30 – 18.30 dal 1 ottobre al 26 ottobre (ultimo ingresso un’ora prima della chiusura). Per informazioni www.sovraintendenzaroma.it.

 

Proseguono con successo le esperienze immersive e multimediali al Circo Massimo, ai Fori (di Augusto e di Cesare) e all’Ara Pacis.

Dal lunedì alla domenica dalle 19.30 alle 23.00 (ultimo ingresso alle 22.00), è possibile ammirare L’Ara com’era attraverso un progetto multimediale che utilizza particolari visori in cui elementi virtuali ed elementi reali si fondono. I visitatori sono trasportati in una visita immersiva e multisensoriale all’altare voluto da Augusto per celebrare la pace da lui imposta in uno dei più vasti imperi mai esistiti. L’esperienza, tra riprese cinematografiche dal vivo, ricostruzioni in 3D e computer grafica, realtà virtuale e aumentata, della durata di circa 45 minuti, è disponibile in 5 lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo e tedesco. I visori non sono utilizzabili al di sotto dei 13 anni. Info su www.arapacis.it.

 

Aperti tutte le sere anche i due spettacoli multimediali del progetto Viaggi nell’antica Roma, che raccontano e fanno rivivere la storia del Foro di Cesare e del Foro di Augusto. Grazie ad appositi sistemi audio con cuffie e accompagnati dalla voce di Piero Angela e dalla visione di filmati e proiezioni che ricostruiscono i due luoghi così come si presentavano nell’antica Roma, gli spettatori possono godere di una rappresentazione emozionante e allo stesso tempo ricca di informazioni dal grande rigore storico e scientifico. I due spettacoli possono essere ascoltati in 8 lingue (italiano, inglese, francese, russo, spagnolo, tedesco, cinese e giapponese). Le modalità di fruizione sono differenti. Per il Foro di Augusto sono previste tre repliche ogni sera (durata 40 minuti) e gli spettatori assistono seduti su tribune allestite su via Alessandrina, mentre per il Foro di Cesare lo spettacolo è itinerante ed è possibile accedere ogni 20 minuti (lo spettacolo dura circa 50 minuti) dalla scala situata accanto alla Colonna Traiana. Per informazioni www.viaggioneifori.it.

 

Con il nuovo progetto in realtà aumentata e virtuale, Circo Maximo Experience, il pubblico può vedere per la prima volta il Circo Massimo, il più grande edificio per lo spettacolo dell’antichità e uno dei più grandi di tutti i tempi, in tutte le sue fasi storiche: dalla semplice e prima costruzione in legno ai fasti dell’età imperiale, dal medioevo fino alla seconda guerra mondiale. È sufficiente indossare gli appositi visori e seguire le varie tappe del percorso itinerante. Si tratta di un progetto all’avanguardia che utilizza tecnologie interattive di visualizzazione mai realizzate prima in un’area all’aperto di così ampie dimensioni. L’esperienza è fruibile dal martedì alla domenica 9.30-19.00, con ingresso da viale Aventino, e dura circa 40 minuti. Ultimo ingresso ore 18.00. Per informazioni www.circomaximoexperience.it.

 

Archeologia in Comune propone sabato 5 ottobre alle 11.00 la visita al Ludus Magnus, a cura di Simonetta Serra, con appuntamento in via Labicana all’ingresso del monumento. Domenica 6 ottobre visita all’Ipogeo di via Livenza, a cura di Paola Chini, con appuntamento in via Livenza, 4. Ingresso a pagamento; visita guidata gratuita. Prenotazione allo 060608.

 

Nel fine settimana sono in programma visite guidate condotte da personale specializzato nell’ambito del progetto Musei da toccare, ideato con l’obiettivo di realizzare musei ‘senza frontiere’, a misura di tutti, e offrire all’intero pubblico la possibilità di accedere alle strutture museali e alle aree archeologiche, facilitando l’accesso al patrimonio culturale e valorizzando le buone pratiche rivolte all’inclusione.

 

Venerdì 4 ottobre, dalle 15.30 alle 18.00, il Museo Civico di Zoologia propone Gli animali a portata di mano. Sempre venerdì, il Museo di Roma è accessibile per il pubblico dei non vedenti e degli ipovedenti grazie al percorso Il Museo di Roma e il suo racconto in-tatto.

 

Sabato 5 ottobre è prevista infine la visita Vedere con le mani: sentire le differenze, percepire i materiali, conoscere le storie al Casino Nobile di Villa Torlonia dalle 11.00 alle 13.30.

 

Sabato 5 (10.00- 17.00) e domenica 6 ottobre dalle 10.00 alle 18.00 nella splendida Villa di Massenzio Roma Victrix. Vivere e far rivivere la storia presenta rievocazioni storiche, accampamenti, danze, battaglie, aree didattiche e musiche antiche.

 

Al Museo di Roma in Trastevere, sabato 5 ottobre e domenica 6 ottobre, la mostra Una diversa bellezza. Italia 2003 – 2018 sul fotografo e videomaker Emiliano Mancuso, prematuramente scomparso lo scorso anno, chiude con una serie di eventi dedicata al suo lavoro.

 

Visite per tutti alla Casa Museo Alberto Moravia, sabato 5 ottobre ore 10.00 e 11.00, per scoprire il lato pubblico e privato di uno dei personaggi centrali della cultura italiana del ‘900.

 

Due turni di visita per adulti e bambini ai Musei Capitolini per passare Una giornata con Marco Aurelio, domenica 6 ottobre alle 11.00 e alle 16.30. Dopo una breve introduzione alla piazza del Campidoglio con i suoi palazzi, il percorso prosegue attraverso le raccolte dei Musei Capitolini e nella galleria sotterranea che ospita la Galleria Lapidaria e conduce all’antico Tabularium attraverso le cui arcate monumentali si può godere del suggestivo affaccio sul Foro Romano.

 

Domenica 6 ottobre alle 11.00 Giochi antichi per bambini moderni, visita didattica con laboratorio alla Centrale Montemartini per famiglie con ragazzi dai 5 agli 11 anni. Dopo una breve visita al museo, nella quale ci si soffermerà su alcuni dei capolavori esposti, i partecipanti potranno realizzare con materiali diversi alcuni dei giocattoli che utilizzavano i bambini romani, come bambole in pezza, trottole colorate e scacchiere, che porteranno a casa come ricordo della visita.

 

Vastissima scelta al Museo di Zoologia, che invita i più giovani a partecipare a diverse iniziative. Dalla Terra all’Universo è in programma sabato 5 ottobre (ore 11.00 e 17.30) e domenica 6 ottobre (ore 11.00, 12.00 e 16.30), un percorso attraverso la storia delle osservazioni astronomiche, dagli antichi calendari ai potenti telescopi spaziali, fino alle conoscenze attuali sulla vita delle stelle, sulla natura dei pianeti e sull’espansione dell’universo.

 

Sabato 5 ottobre Il Dottor Stellarium porterà con sé i bambini rispettivamente alla scoperta delle stelle (ore 12.30) e del sole (16.30).

 

Domenica 6 ottobre alle 17.30 Verso mondi lontani di Stefano Giovanardi propone l’avvincente storia della scoperta dei pianeti extrasolari: dalle eretiche ipotesi di Giordano Bruno all’annuncio di 51 Pegasi b, individuato poco più di vent’anni fa.

 

Alla Casina delle Civette di Villa Torlonia, sabato 5 ottobre alle 11.00 Enrico Casularo ed Elisabetta Ferri in concerto. Enrico Casularo, flauto traversiere, Elisabetta Ferri, clavicembalo. Musiche di A. Corelli, G. Sammartini, D. Scarlatti, F. Ruge, G. B. Sammatini

 

Oltre al grande patrimonio di collezioni permanenti, nei Musei Civici della Capitale sono sempre numerose, varie e interessanti le mostre da visitare durante il weekend.

 

Luca Signorelli e Roma. Oblio e riscoperte è la splendida esposizione ai Musei Capitolini, nelle sale espositive di Palazzo Caffarelli, omaggio a uno dei più grandi protagonisti del Rinascimento italiano con una selezione di opere di grande prestigio provenienti da collezioni italiane e straniere. Nelle sale al piano terra di Palazzo dei Conservatori continua L’Arte Ritrovata, un mosaico di testimonianze archeologiche e storico artistiche, dall’VIII secolo a.C. all’età moderna, altamente simbolico e rappresentativo della pluridecennale azione di salvaguardia operata dall’Arma dei Carabinieri.

 

Al Museo dell’Ara Pacis, Claudio Imperatore. Messalina, Agrippina e le ombre di una dinastia conduce alla scoperta di vita e regno del discusso imperatore romano, dalla nascita a Lione nel 10 a.C. fino alla morte a Roma nel 54 d.C., mettendone in luce la personalità, l’operato politico e amministrativo, il legame con la figura di Augusto e con il celebre fratello Germanico, il tragico rapporto con le mogli Messalina e Agrippina, sullo sfondo della corte imperiale romana e delle controverse vicende della dinastia giulio-claudia.

 

Colori degli Etruschi. Tesori di terracotta alla Centrale Montemartini propone una straordinaria selezione di lastre parietali figurate e decorazioni architettoniche a stampo in terracotta policroma, provenienti dal territorio di Cerveteri (l’antica città di Caere) e in parte inedite. Sono esposti reperti archeologici di fondamentale importanza per la storia della pittura etrusca, recentemente rientrati in Italia grazie a un’operazione di contrasto del traffico illegale.

 

Ai Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali prosegue fino al 18 ottobre Mortali Immortali, tesori del Sichuan nell’antica Cina, un percorso straordinario nella vita sociale e nel mondo spirituale dell’antico popolo Shu, che proprio su questa terra nel sud-ovest della Cina ha creato una civiltà unica. Esposti eccezionali reperti in bronzo, oro, giada e terracotta, databili dall’età del bronzo (II millennio a.C.) fino all’epoca Han (II secolo d.C.) e provenienti da importanti istituzioni cinesi.

 

Alla Galleria d’Arte Moderna, Donne. Corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione propone una riflessione sulla figura femminile attraverso artisti di diverse correnti artistiche e temperie culturali tra fine Ottocento, lungo tutto il Novecento e fino ai giorni nostri. Inoltre, nel chiostro della Galleria, Wechselspiel, le installazioni di Paolo Bielli e Susanne Kessler costituiscono un doppio percorso che si collega alla mostra in corso e alle sculture del chiostro.

 

Al Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco apre al pubblico il 4 ottobre Il Leone e la Montagna, prima tappa di una mostra sulla Missione Archeologica Italiana in Sudan, attiva da quasi cinquanta anni nel sito del Jebel Barkal, patrimonio mondiale Unesco.

 

Inizia sabato 5 ottobre al Casino Nobile di Villa Torlonia Rifrazioni dell’Antico in cui l’opera di Sergio Monari incontra l’architettura e la collezione d’arte della famiglia Torlonia: un dialogo fra passato e presente che porta all’attenzione del pubblico l’attualità della mitologia greca.

 

Al Museo di Roma in Trastevere termina domenica 6 ottobre Emiliano Mancuso. Una diversa bellezza. Italia 2003 – 2018, una mostra dedicata al lavoro del fotografo, scomparso prematuramente lo scorso anno. Dalle immagini emerge un’umanità dolente, un’Italia ferita alla costante ricerca della sua identità in un perenne oscillare tra la conferma dello stereotipo e la cartolina malinconica. In corso fino al 20 ottobre anche Carlo Gianferro. Cittadini del mare, ritratti e paesaggi della vita dei pescatori, il loro lavoro, la loro relazione con l’ambiente e la famiglia.

 

Al Museo Carlo Bilotti di Villa Borghese con la mostra Frank Holliday in Rome fa il suo primo ingresso in un’istituzione museale italiana uno degli artisti del Club 57 – lo storico locale dell’East Village al quale recentemente il MoMA di New York ha dedicato una grande mostra – attraverso 36 opere dipinte nel suo studio vicino a piazza Navona, dove Holliday ha lavorato alacremente avendo come ispirazione le opere dei maestri della storia dell’arte.

 

Al Casino dei Principi di Villa Torlonia Luigi Boille. Luoghi di luce, scrittura del silenzio, curata da Claudia Terenzi e Bruno Aller, con il sostegno dell’Archivio Luigi Boille. Una panoramica di più di ottanta opere che raccontano il percorso artistico del Maestro dal 1958 al 2015.

 

Nella mostra In Paradiso al Museo Civico di Zoologia Giorgio Marcoaldi, con le sue foto a colori, riesce a catturare momenti di vita degli animali che vivono nelle vallate alpine del Parco, cogliendoli nell’arco delle diverse stagioni. Tonino Mosconi, nelle sue foto in bianco e nero, racconta i ritmi delle popolazioni locali e delle loro tradizioni.

 

Per i possessori della MIC card è libero l’accesso ai Musei Civici e ai siti archeologici e artistici della Sovrintendenza Capitolina. Sono inoltre incluse le visite e le attività didattiche effettuate dai funzionari della Sovrintendenza Capitolina che rientrano nel biglietto d’ingresso al museo mentre non sono comprese le mostre negli spazi espositivi del Museo di Roma a Palazzo Braschi e del Museo dell’Ara Pacis nonché le esperienze immersive e multimediali. La MIC, al costo di 5 euro, permette l’ingresso illimitato negli spazi indicati per 12 mesi. Per informazioni www.museiincomuneroma

 

Alla Casa della Memoria e della Storia venerdì 4 ottobre è possibile visitare la mostra foto-documentaria “La Guerra Addosso”. Tracce del primo conflitto mondiale sui corpi e nelle menti dei sopravvissuti. Attraverso il vastissimo materiale fotografico e documentario a disposizione sulla Grande Guerra e le fonti d’archivio custodite presso enti e organizzazioni, l’esposizione, dopo aver delineato un quadro generale dell’impatto traumatico del conflitto, focalizza l’attenzione sulla determinante opera di assistenza dispiegata dall’organizzazione sanitaria sui campi di battaglia così come nelle retrovie del fronte. www.comune.roma.it

 

Alla Casa del Cinema di Villa Borghese fino al 6 ottobre è in corso Scoprir. Mostra di cinema iberoamericano, con l’obiettivo di promuovere la cinematografia iberoamericana che negli ultimi vent’anni ha raccolto grandi successi internazionali e che è stata capace di produrre film di grande innovazione stilistica.

 

Rivivono inoltre le atmosfere del romanzo e la lavorazione del celebre film diretto da Luchino Visconti negli scatti della mostra Il Gattopardo 1959–2019. A sessant’anni dal Premio Strega ottenuto dal romanzo, le immagini in bianco e nero del fotografo Nicola Scafidi raccontano i sopralluoghi e backstage, gli arrivi degli attori protagonisti, l’anteprima del film a Roma.

 

Il palcoscenico del Teatro India ospita gli spettacoli della Compagnia dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio d’Amico, al terzo anno consecutivo di collaborazione con il Teatro di Roma – Teatro Nazionale. In particolare sabato 5 e domenica 6 ottobre Una Bellissima Domenica a Creve Coeur di Tennessee Williams, per la regia di Tommaso Capodanno. Nato come progetto di studio con la guida di Arturo Cirillo sui testi del drammaturgo americano, la commedia sentimentale racconta il rapporto con la solitudine di quattro ‘zitelle’ che, quasi per caso, si incontrano in una poverissima casa di periferia, nell’America degli anni ‘30. In scena, sempre sabato 5 e domenica 6, in programmazione alternata, Le Lacrime Amare Di Petra Von Kant, uno dei capolavori della sterminata filmografia fassbinderiana, per la regia di Federico Gagliardi.

 

Al Teatro dell’Opera proseguono le recite di Don Giovanni, nel nuovo allestimento con la regia di Graham Vick e la direzione d’orchestra del Maestro Jérémie Rhorer, le scene di Samal Blak, i costumi di Anna Bonomelli, i movimenti coreografici di Ron Howell e le luci di Giuseppe Di Iorio. Gli spettacoli venerdì 4 alle 19.30, sabato 5 alle 18 e domenica 6 alle 16.30.

 

A Palazzo delle Esposizioni fino al 6 gennaio in mostra Tecniche d’evasione. Strategie sovversive e derisione del potere nell’avanguardia ungherese degli anni ’60 e ’70 a cura di Giuseppe Garrera, József Készman, Viktória Popovics e Sebastiano Triulzi. La mostra è promossa da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale, Azienda Speciale Palaexpo e National Cultural Fund of Hungary. Saranno esposti opere – disegni, sculture, fotografie, cartoline, dattiloscritti, manifesti, libri – e documenti relativi all’attività di un gruppo di artisti dissidenti ungheresi, risalenti agli anni Sessanta e Settanta, raccolti e messi in salvo dal Museo Ludwig di Budapest.

Attraverso i lavori di Endre Tót, Judit Kele, Sándor Pinczehelyi, Bálint Szombathy, András Baranyay, Tibor Csiky, Katalin Ladik, László Lakner e di altri, la mostra racconterà le “tecniche di evasione” messe in atto dagli autori per sfuggire ai controlli, per stordire la censura, per eludere il potere, deriderlo e lasciarlo interdetto.

 

Sabato 6 il Piano Zero di Palazzo delle Esposizioni ospita 16,9 Km Conversazioni | Esercizi Sull’abitare la prima tappa di un lungo il percorso di 16,9 Km tracciato dagli esercizi di Bartolini/Baronio nella città di Roma a partire dal tema della casa intesa come luogo di concentrazione simbolica della convivenza umana sul pianeta.

 

Al Macro Asilo venerdì 4 alle 15.00 nell’Auditorium Pionierismo e Passione, una mostra itinerante a cura dei fondatori di Miniartextil, impegnata nella ricerca e sperimentazione della “fiber art” contemporanea fin dal 1991, racconteranno la storia della manifestazione partita da Como, che ha contribuito a far conoscere in Italia e non solo, artisti divenuti poi di fama mondiale. Sabato 5 e domenica 6 alle 15.00 si terrà I Dieci Anni Della Land Art al Furlo” a cura della Casa degli Artisti di Sant’Anna del Furlo. Video, interventi, musica e la presentazione del catalogo, per una carrellata sui dieci anni di dialogo tra Paesaggio e Arte, nel “canyon” del Furlo, nelle Marche Alte, che ha visto alternarsi più di 400 artisti e migliaia di visitatori.

 

Sempre sabato 5 alle 18.00 nell’Auditorium si terrà la lectio magistralis Realizer di Massimo Bartolini. Dove c’è costruzione c’è forma e la forma è presenza totale. Per questo non sono possibili esitazioni. Le esitazioni hanno comunque un loro posto: il progetto. Se al progettista spetta il mondo dell’immaginazione e poi quello della ponderazione, al realizzatore spetta quello apparentemente umile e univoco della materia. Nella sua mano il talento e la sensibilità sono archetipiche e non permettono bugie.

 

Dal 26 settembre al 24 novembre negli spazi del Mattatoio si svolgeranno una serie di appuntamenti di teatro, performance, talk, arti digitali e musica che sono parte del programma di LANDSCAPES: paesaggi del contemporaneo tra teatro, danza, musica, digital e Kids della 34esima edizione del Romaeuropa Festival che  viaggia tra riti ancestrali e cultura urbana, tra radici spezzate e migrazioni forzose, tra realismo globale e intelligenza artificiale, per sviluppare una affascinante lettura critica del nostro tempo.

Nel Padiglione 9B, a ingresso libero fino al 20 ottobre, la Fondazione Volume! presenta Afterall di Rä di Martino, a cura di Lorenzo Benedetti. La mostra sarà la premiere del video Afterall (a space mambo), progetto vincitore della IV edizione del bando Italian Council (2018), concorso ideato dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane (DGAAP) del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, ed è promossa da Roma Capitale Assessorato alla Crescita culturale e organizzato dall’Azienda Speciale Palaexpo.

 

Romaeuropa Festival dedica il fine settimana alle arti multimediali performative, all’innovazione artistica e alla creatività emergente, da venerdì  4 a domenica 6 il Mattatoio è la base per Digitalive, sezione curata da Federica Patti volta ad esplorare le culture digitali tra performance, scienze, media e dialoghi tra naturale e artificiale, umano e non umano. Dai nuovi riti contemporanei, venerdì 4, creati da Mara Oscar Cassiani nella performance Spirit X Roma a partire dalle maschere vernacolari al dialogo fra entità umane, robotiche e sintetiche nello spettacolo Humane Methods di Marco Donnarumma e Margherita Pevere, per passare, sabato 5 e domenica 6, alla danza di braccia robotiche di Ultravioletto o ai paesaggi virtuali nelle coreografie Median e Intensional Particle, del coreografo e danzatore giapponese Hiroaki Umeda sempre sabato e domenica. Tra gli eventi musicali venerdì 4 Enrico Malatesta rende omaggio alla storica compositrice Eliane Radigue,  Franz Rosati domenica 6 propone il suo ultimo live set audiovisivo mentre Sandra Mason venerdì 4 aprirà la serata con il suo dj set.

Ed ancora venerdì 4 Saranno gli Zu, storica band guidata da Massimo Pupillo, a presentare in anteprima assoluta il loro nuovo progetto Terminalia Amazonia trasportandoci nelle cerimonie notturne degli sciamani curanderi, indigeni mai usciti dal loro territorio. Appuntamento infine con le video installazioni di Maria Di Stefano Hello World/Rouge sul tema della globalizzazione e del capitalismo culturale. Durante questi tre giorni, sempre al Mattatoio, sarà inoltre possibile visitare la mostra di Pascale Marhine Tayou Love Garden.

 

All’Auditorium Parco della Musica in programma la musica raccontata, nella serata di venerdì 4 in Sala Petrassi alle 21 che Giancarlo De Cataldo, magistrato, scrittore e storyteller, dedica alla leggenda di Leonard Cohen. Domenica 6 in Sala Sinopoli alle 18 l’Ottobrata Romana, il progetto originale di Ambrogio Sparagna giunto alla dodicesima edizione. Novità di quest’anno è l’istituzione del Premio Gabriella Ferri-Auditorium Parco della Musica per ricordare una interprete straordinaria del canto popolare. La prima edizione del premio verrà assegnato a Mannarino.  Ancora domenica 6 nella Sala Petrassi alle 21 in programma l’ultima data del tour Lost in Space di Dardust, uno dei personaggi più interessanti del panorama musicale italiano.

 

Babazar.it le grandi marche abbigliamento donna con il 60% di sconto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui